Vincere. ( da rivedere nel testo e nel contesto)

Orali sono il vostro amore, o uomini, i vostri amori, che sono? O libidine vestita da amore. O paura insanabile di perdere l’amore del coniuge per libidine sua e di altri. Non siete mai più sicuri del possesso del cuore  dello sposo o della sposa, da quando libidine e’ nel mondo. È tremate e piangete e divenite folli di gelosia, assassini talora per vendicare un tradimento, disperati talaltra, abulici in certi casi, dementi in altri. Ecco che hai fatto satana, ai figli di Dio. Questi avrebbero conosciuto la gioia di aver figli senza avere il dolore, la gioia di essere nati senza paura del morire. Ma ora sei vinto in una donna e per la donna. D’ora innanzi chi l’amerà tornerà a esser di Dio, superando le tue tentazioni per poter guardare la sua immacolata purezza. D’ora innanzi, non potendo concepire senza dolore le madri avranno Lei per conforto. D’ora innanzi l’avranno le spose a guida e i morenti a madre, per cui dolce sarà il morire su quel seno che è scudo contro te, maledetto, e contro il giudizio di Dio…Maria piccola voce, hai visto la  nascita del Figlio della Vergine e la nascita al cielo della Vergine.   Sarebbe venuto il generare senza doglie, come era giusto per aver saputo congiungersi e concepire senza lussuria, e il morire senza affanno.  Non un casto abbraccio d’uomo ma da divino amplesso, che fa trascolorare lo spirito nell’estasi del Fuoco. Questa e’ solo una piccolissima parte di GESÙ che si rivela a Maria Valtorta, tutto colpisce in questa Verità.

Riavvolgo il nastro della mia vita e penso a quando giovane e meno giovane, pensavo solo a fare tacche sul calcio della mia pistola per ogni cuore che conquistavo, per ogni cuore che infrangevo, per ogni falso amore accumulavo, preoccupandomi solo di superare in numero, questo o quell’amico, o presunto tale, perché quando esiste questo tipo di rivalità, l’amicizia si è ben nascosta. Sarebbe stato comunque il minor dei mali se la cosa fosse li per li finita. Mi rifugerei nei meandri della stupidità che spadroneggia a si giovine età. Ma no, bisognava esagerare, andare oltre, entrare nel proibito della libidine, nel desiderare la donna altrui, cosicché tutto fosse più esaltante ed eccitante, ovviamente il tutto contornato da libagioni sfrenate, gigantesche bevute, e pure qualcosa che superasse il tutto, e che mettesse una bella firma alla stupidità umana, allucinandomi in  svariate forme di libido, in modo fosse a mille.

Che il corpo sopporta tutto, tanto troppo ma non per sempre, prima o poi ti presenta il conto, il mio per fortuna non è stato salato. Che la mente sopporta molto meno, e il conto te lo presenta subito, mandandoti a spasso voglia di fare, voglia di lavorare, voglia di creare, per lasciare solo il vuoto della mera carne. E per chi va troppo oltre rischia di non rendersi conto che il suo tempo inesorabilmente finisce, e non ne rimane abbastanza per rimediare. Per provare a ricominciare, per gustare le semplici meravigliose cose che la vita ti può offrire. Un amore vero, o l’amore vero, verso gli altri, che smetti di pensare di fregare per un miserabile tornaconto. Al contrario con loro inizi a costruire qualcosa, un dialogo confrontandoti. Si vive insieme, ed insieme costruisci una nuova realtà poco forse, ma sempre meglio del nulla che ti distrugge, del niente che ti annulla facendoti amico di quel satana, che ti ha fatto diventare quel grande scopatore, quello più intelligente di tutti, il migliore, il migliore nelle sue file, nel suo esercito, non nell’esercito di quel Cristo, che voleva per te , quell’amore puro, sublime, innocente che gratifica l’anima e lo spirito elevandoti ad ambire al più bello dei premi, l’eterna beatitudine.

Potrei scrivere ancora un centinaio di pagine per descrivere quel che mi son perso, quante innumerevoli piccole grandi cose a cui stupidamente ho rinunciato per far posto a qualcosa che nulla mi ha lasciato, se non una profonda vergogna di quel che ho sprecato. Qualche d’uno dice di non avere rimpianti, mai, non ne ho infatti! Non rinnego il mio passato avventuroso e turbolento, che mi regala questo presente meraviglioso in Grazia di Dio, solo mi fa paura il pensiero per i giovani a cui non è dato avere la possibilità che io ho avuto, ravvedermi in tempo. Io so bene cosa perdono, so bene cosa il loro cuore cela, angosce, paure, insicurezze colmate con prepotenza odio e risentimenti. Credetemi e’ orribile, sconcertante.  Che mi farebbe immensamente felice mostrare loro quanto è in pace il tuo cuore quando possiedi amore, quanto è bello essere ricchi nel non avere nulla, quanta gioia puoi provare nella semplicità e nella serenità, senza affanni, senza angosce, senza paure. Solo dopo molto tempo che lo diceva, capii cosa volesse dire Woityla … Il grande papa… Non abbiate paura, spalancate le porte a Cristo. Solo dopo anni capivo il perché  Giovanni Paolo II, quasi pareva imbronciarsi, infervorarsi perfino, nel ripetere in continuazione quelle meravigliose parole, Non Abbiate Paura. Viene anche a me ora di infervorarmi nel ripeterlo, e cercate nel contempo di immaginare la mia severa espressione, Non abbiate paura ragazzi, ma non solo… Spalancate le porte a Cristo. Lui può tutto, può qualsiasi cosa, può darvi tutto quello che volete, dovete solo crederci e seguirlo, senza stupidi fanatismi, o con ipocrite preghiere finte lamentose. Dovete seguire la sua Divina e infallibile Parola, senza privazioni, senza vergogna di fare una cosa d’altri tempi, niente e nessuno al mondo e’, e sarà mai più attuale di GESÙ. E’ facile, facilissimo, seguirlo, ogni volta che pensate di nuocere a qualcuno anche se per piccole banali cose, non fatelo, pensate sempre di non fare a nessuno ciò che non vorreste fosse fatto a voi, e come un simpatico gioco, e si parte dalle piccole cose, eviteranno sicuro le grandi, che nemmeno conoscerete. Per questo si dice che dal bicchiere di troppo si passa all’alcolismo, e per questo dallo spinello di troppo, alle droghe pesanti, per questo da una donna di troppo a troppe donne, o peggio e così via. Tutto è lecito , o quasi, purché sempre nelle giuste dosi, nelle debite proporzioni, ma sopratutto nel rispetto della tua persona, del tuo corpo che ti è solo stato affidato temporaneamente per dar prova di come sei in grado di gestirlo, e della tua mente per le stesse ragioni, di come sei in grado di rispettarlo, lui il corpo e la tua mente, responsabile delle tue azioni, e conseguentemente dell’altrui rispetto, basilare per il giusto equilibrio morale e sociale. Il concetto sta prendendo pieghe filosofeggianti ed io non sono certo la persona indicata a sostenere un discorso di storia e di concetto, sono però in grado di sostenere un discorso di questo tipo per ore ed ore e ancor più, con la sola forza del cuore, con la sola forza della convinzione che anima il mio sentimento spirituale, con la grande forza e immensa pazienza, che la Madonna Santissima e suo Figlio hanno  misericordiosamente abitato ed abitano in me. Ed è per questa ragione forse che i miei errori si sono protratti molto più del dovuto. Era il solito magnifico e mugnifico disegno di Dio, che mi voleva ben preparato non con lo studio,  non con la cultura, non con l’esaltazione di chi non ha di meglio da fare e che per pura debolezza sceglie Dio perché non ha coraggio di provare altro, e quindi gioco forza si esalta e segue qualcuno più sgamato e furbo di lui, che certamente non indugerà ad approfittarsene. Io vengo direttamente dal caos, dal disordine mentale, dalla sregolatezza, dall’agio, dalla lussuria, dall’odio e rancore, dall’alcool, dalla droga anche se nelle sue forme più leggere tengo a precisare, dalla superbia, dall’alterigia, dalla strafottenza, dall’intolleranza, dall’insolvenza e poi ancora è ancora. Seguendo GESÙ sono arrivato ad un discreto livello di ordine fisico e mentale, da un buon margine di regolatezza, di un bel goder del poco, che al fine e’ più dell’agio, dall’amare una sola splendida donna e centinaia di persone, praticamente tutte quelle che conosco, e non solo, amo anche chi non conosco, non conosco più odio ne rancore, semplicemente evito chi mi vuole portare via la mia positività, ora bevo moderatamente sentendomi  più appagato di quando mi strafogavo, tolleranza zero alle droghe, quel tanto che ti danno per pochissimo tempo, te lo rinfacciano fregandoti per un immensità di tempo se smetti con loro, altrimenti ti fottono per sempre, rimango altero ma non con gli altri, con me stesso per quel poco che sono, non ricordo precisamente cosa significhi essere strafottente, l’intolleranza e dove credo di essere di molto migliorato, se non guarito del tutto, ritengo infatti un intollerante una persona molto, ma molto ignorante….e non solo,  sull’insolvenza avrei da dire che gli unici miei insoluti sono esclusivamente dedicati allo stato, questa e una parte che non ho ancora bene elaborato con il mio credo, tengo l’argomento sempre in stan by, speriamo non Si spazientisca con me l’Altissimo.Vengo direttamente dalla strada gente, non mi è capitato nessun miracolo, nessun segno di esaltazione nella mia psiche vi assicuro, ho rinunciato semplicemente al superfluo, all’effimero che mi portava malessere, al disordine, ho abbandonato il male che è satana, e ho abbracciato il bene che è Dio, che mi ha tolto dubbi, angosce, paure, e mi ha ridato serenità, gioia, sicurezza, fierezza, stima di me stesso, e non ho fatto grandi cose per tutto ciò, ho semplicemente unito la preghiera al rispetto del prossimo, di qualunque colore di pelle ed estrazione sociale esso sia. Che è poi l’equivalente del secondo comandamento di Dio,  Ama il Prossimo Tuo  Come Te Stesso, che a mio modestissimo parere  compensa e assolve agli altri nove, compreso il primo… Non Amerai Altro Dio all’infuori di me, e scontato come tutti gli altri otto rimanenti, se ti attieni al secondo. Che nonostante tutto ciò, rimarrà da lottare contro il male per il resto della vita, ma si vince, si vince sempre, perché il bene sovrasta, il bene prevale, e la pugna sarà sempre di risultato sicuro, vincente. Vincete anche voi tutti, insieme a me, ve ne prego.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...