A te.

Si apre un giorno nuovo, qualcosa sapevi che ti aspettasse sornione, qualcosa di nuovo inevitabilmente accadrà, ma tu sei preparata, tu sei preparato. Che il nuovo non ti spaventa, la vita ti ha insegnato quanto basta per affrontare l’imprevisto. E fai che tutto volga a te per gli altri, o almeno ci provi senza indugio. Non ti resta altro da fare, e nemmeno vorresti fossero inverso gli eventi. E come pregare, chi ben lo fa, pensa per altri, che poi il bene di rimando come un boomerang giunge a te.   Ti svegli, ti alzi ringrazi nel tuo silenzioso pensiero ciò che hai, osservi se c’è il sole o la pioggia, che tutt’due son belle nel loro nsieme, ti preoccupi della persona che ami e se non c’è te lo inventi, che qualcuno o qual’cosa da amare c’è sempre, e assapori quel che rimane, che è sempre molto. Se la luce del sole invade le stanze sei felice e ti metti la maglia leggera, se fuori piove, accendi la fiamma nel camino ed è bello uguale. Così come quello che accade, se bello veste leggero, se grigio veste pesante, e se il primo, mangi insalata, se secondo, mangi bollito. Ti adegui, come gli umori della gente, come il tempo che non ha padroni, come le rondini in cielo a primavera che volteggiano in cerca di cibo per i loro piccoli, come i passeri sotto le fronde in un temporale d’estate arruffati a gomitolo, aspettando passi, come un lupo in caccia di carne o d’amore, come un orso in letargo, che formica consuma il suo grasso.  Che la vita e sentire un allegro rumorio di ruscello virgulto che ruba disgelo, o si fa cupa con sibili di vento forte tra gli alberi, e può diventare silente come il buio della notte stellata. La vita e’ aprire gli occhi, e se non vedi, e’ aprire il cuore, che ancora vedi meglio, spalancando le finestre alla fantasia, o sentire i suoni e rumori che invadono il nulla, che se non senti lasci che l’anima supplisca ad un senso mancante, che riempie i tuoi pensieri rendendoli solidi.  E in questa mescolanza l’anima vola, aleggia come una nuvola nel cielo che rincorre un’altra nuvola nell’intento di unirsi per creare pioggia, per creare vita. L’anima attente di non essere colpita da materia che la danneggia e la incupisce, librandosi libera ogni momento che la tua mente e’ sgombra. Quel che segue e storia dettata dagli eventi di questa epoca, il modo di fare di una quotidianità comandata e dettata, l’espressione di vita corrente. Quello che è nel profondo del tuo io, e storia tua, e ciò che nessuno e niente può anche minimamente scalfire e tanto meno comprare… Perché la vita che una persona vive, e fatta di due realtà, …la prima e vissuta di dovere, la seconda e tua per diritto di Divino se vuoi, e’ il tuo mondo, e’ il tuo modo di pensare, e’ il tuo vivere, sei tu, che fantastichi, ti preoccupi, gioisci, un continuo smaniare di tuo. Intanto fuori c’è il sole o la pioggia, non fa nessuna differenza, e’ solo un argomento da usare in piazza per cercare contatto, ciò che importa e’ che tu sia chi vuoi essere, che i tuoi occhi si illuminino di luce anche quando fuori le tenebre son padrone, l’importante e’ che tu esista…con gli altri… Per te.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...