…ORA SO DOVE SON TUTTI…

imageI soldati di tante inutili guerre, mandati allo sbaraglio per difendere gli ideali di qualcun altro dove vanno a finire. Quando gli veniva comandato l’assalto e uscivano dalle loro trincee dove poco prima si interrogavano dei perché si trovassero in quel posto, e rivedevano il film della loro vita in pochi attimi, dove  ivi giungeva il volto dei loro cari e della loro amata, dei loro affetti, delle loro gioie, l’amore più grande, la vita, che di li a poco veniva falciata da proiettili sparati da altre persone come loro, con gli stessi sentimenti e pensieri, tutti incolpevoli e tutti accomunati dall’uccidere per non essere uccisi, tutti indifferentemente con i loro inutili implorevoli perché.  Dove sono andati a finire? E dove vanno le migliaia di persone che muoiono sui barconi maledetti, naufragando nel mare della vergogna, il nostro mare, nero come le nostre coscienze. Dove sono finite le milioni di persone che per l’olocausto sono state immolate per per una assurda causa e un pretesto maledetto, anche loro accompagnate dall’indifferenza, dall’abbandono e la solitudine,… Dove sono? Dove, le migliaia di migliaia di vittime in africa per la povertà, l’indigenza, e per la fame che noi tutti neghiamo perché non è giusto così. Che fine hanno fatto le anime immolate al l’odio, all’apatia e alla trascuranza del nostro quieto vivere. Se per tutto ciò non trovassi la risposta necessaria a farmi continuare a pensar di esser uomo fra gli uomini, mi sarebbe insopportabile mangiare, dormire e vivere. Sono tutti insieme, nel grande magazzino dell’amore, nei campi Elisi dell’apoteosi. Li ha raggruppati tutti Nostro Signore, che instancabile con l’aiuto della Santissima a braccia aperte li accoglie, e trova per ognuno una degna e giusta sistemazione, ad ogni uno da il benvenuto, li rincuora, li accudisce, li nutre d’amore e li colloca liberi in uno spazio immenso, tanto grande che la Luce non ha confini, e non sono stipati, ne ammassati, tanto meno abbandonati. Sono la, nella pace di un mondo che abbiamo a portata di mano e che cerchiamo di non invidiare, perché qui sulla terra, terreno di prova, non riusciamo a scorgere, il male ci fa da scudo impenetrabile, e ci rifugiamo nel buio dell’ipocrisia. Ora stanno tutti bene, ci stanno aspettando, sorridendo per il nostro stupido affanno al meno di nulla. Grazie Dio di essere Tutto, ora so’ dove sono tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...