C’è un posto per ognuno di noi

E ancora qui mi ritrovo, l’unico momento che riesco a mettere insieme quel poco di me, io mi ritrovo qui, alla mia casa, è piccola che quasi non si vede, ma è di un bello che non ti dico, è la mia “casina”. C’è un calore là, è una cosa che solo puoi intendere in un immaginaria visione di un cinema che hai girato te stesso, solo allora puoi arrivare a capire il senso di protezione che provi nell’esserci…e ci sono.  Perché prima sei stato invitato a dieci kilometri di distanza dalla tua casetta, che quasi potevi esserne infastidito, ma poi sei tra gente che ami ed allora vivi ciò che devi e dopo vuoi, che alla fine diventa puro piacere.  E quindi hai fatto una sosta, l’ennesima in quei giorni, ma si sa, più aspetti desiderando, più sarai felice di aver aspettato, e giunge il momento del tuo ritorno, in quel paese che se lo chiamo “paesello” lo sminuisco e non è nemmeno lontanamente pensabile ch’io arrivi anche solo a pensarlo un simil disturbo…non ho posto nel cervello per ospitare una una informazione che disconosco. Il “Paesello” per me, è il paese più grande del mondo, sennò non mi scoppierebbe così nell’anima. E dopo giri di parole forse per voi inutili, eccomi qua’, sono nel mio acquario e nuoto felice. L’Acquario di DIO è a Sharm El Sheikh, l’ho visto quel tratto di mare e ancora anch’io ci ho trovato Dio, in sette giorni di vacanza, di cui  sei che pensavo sprecati perché non stavo bene, l’unico giorno buono è nato alle sei di un mattino d’Agosto, ed è finito  due ore dopo di immersione in pratica ho continuato a stare male. Come che bastassero due ore per rimanermi nel cuore per il resto della vita. Dall’acqua di un mare a sud, alle montagne del nord…non è meglio o peggio, è un altra cosa, è dove una persona, che poi son io, si ritrova con se stessa, o si illude sia, il finale è lo stesso che l’effetto desiderato, e mi sento un po’ di pace dentro che non guasta dopo tante battaglie. E non è solo un po’, è di più, perché sono calmo, mi piace vedere la pioggia che scende, ammiro il paesaggio che mi trovo innanzi, lo stesso di sempre, più bello che mai. Sembro, paio un altro uomo, sono più forte, mi ergo in me, quasi volessi fare dei discorsi in piazza ed è meglio di no! Si avvicinano le insidie della vita maligna, che nel contesto della beltade, ti punzecchia con sprazzi di negative presenze fotografiche, loro non ti vogliono sereno,  ma le respingo con tutto il disprezzo che dispongo in me stesso, che forte lo sconfiggo senza colpo ferire. A niente ora permetto di disturbare la mia quiete, è mio questo momento, me lo sono guadagnato nel molto soffrir di fretta, che è sempre quella che sempre ti frega, la pazienza pochi o nessuno la conosce o vuole dargli retta per dirgli ciao. Così che li, vedo ciò che il mio cuore vuole vedere che è poi ciò che voglio io e vogliamo tutti, stare bene con noi stessi. Io lo vedo dai monti, dalla pioggia che scende di un fitto fitto, sembra che persino il cielo sia dentro di me, e tanto mi sento in questo posto, che  prati, l’erba e le case si sono incarnate nell’immagine che ho di fronte com me in mezzo. Si mescolano pensieri, sogni, speranze, gioie e dolori ed è tutto sotto controllo,…ora comando io il mio destino semmai ce ne fosse uno confezionato per ognuno di noi, che ancora ci sto riflettendo, sono il capitano di me stesso…disse Nelson, più o meno, che non mi va che abbia detto di essere il padrone della sua anima, preferisco ” levigarla” in “me stesso”, che noi siamo niente e a me rimane intatta la figura mitica del Presidente nero, che voleva tutti fossero bianchi dentro, nel cerchio che esplode di luce nella nostra coscienza.  E sto bene a casa mia nel mio paese che non è il mio paese e me lo ha detto anche oggi, non chiamandomi al voto, ma non ci sono confini nel cuore, nessun ostacolo ai pensieri e l’anima è sempre a briglie sciolte, va dove la luce e’ accecante, la stessa in cui mi ritrovo con te “paesello mio” in su’ quei monti

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...