Il bello del bar

img_0172Il bello del bar di un paese o di una città dove si va a fare la colazione del mattino o per l’aperitivo, è che incontri gente con il sorriso perché ognuno si lascia a casa i suoi problemi   E se capita invece che i problemi li ascolti con chi ha voglia di parlartene, quasi certamente hai un altra amica o amico su cui puoi contare per un futuro nel poter raccontare eventualmente i tuoi, e anche se nessuno risolve quelli dell’altro, rimane certamente un aiuto allo spirito di entrambi, che se si parla con il cuore l’aiuto è necessità

La condivisione è uno dei maggior toccasana, medicamentoso per lo spirito e per il cuore   Intanto sei stato ad ascoltare i problemi degli altri, e ti sei reso conto di non averne solo di tuoi   Meglio ancora se sei tu a esternare una situazione di disagio, solo il parlarne non può che aiutare, non può che risollevare il morale nelle sue singole situazioni   Ecco che alla fin fine si finisce per gustare quel caffè o quel bicchiere di vino, che uno sembra la torrefazione più eccelsa di miscela di caffè e l’altro la spremuta d’uva di un vitigno raro

Un ‘classico’ è quando entri al bar che il bancone è già gremito di astanti, e in genere il più ‘simpatico’ di quelli che sorseggia il suo aperitivo, inizia con il salutarti a gran voce dicendo … mi fa piacere vederti, ma avrei visto ancora più volentieri tua moglie   Ovviamente nella fragorosa risata di tutti, si uniscono almeno altri due o tre temerari che ti rivolgono lo stesso tipo di saluto, e poi proseguono sul prenderti in giro non abbandonando il genere del discorso, chiaro che si scherzi un poco, ed è appunto per questo che ribadisco che anche io avrei preferito vedere con loro le proprie consorti   Ma non è che l’inizio di una sequela di altre battutine più o meno allegre, perché quando il ‘simpatico’ inizia, apriti Cielo, non sai mai quando la finisca di aizzarti contro gli altri, con divertenti aneddoti volti a romperti le balle, …’simpaticamente’…

Che a volte ti chiedi se sta scherzando o se davvero gli stai antipatico, e presumo che un poco di antipatia sia di rigore per tanta insistente rottura di palle, del resto non si può piacere a tutti, come a nessuno piace chiunque, e fintantoché ci si limita a battutine irritanti quanto stupide, va bene così, serve ad identificare a chi ti devi rivolgere in caso di effettiva amicizia o bisogno   In genere è un modo di passare del tempo in allegria proprio dei bar fuori città, la ci si conosce tutti perché gli abitanti del paese sono pochi e quasi sempre gli stessi a parte i periodi di vacanza, dove allora vengono presi di mira i villeggianti e finalmente si riposa la mente bevendo in santa pace un caffè   Curioso il fatto che per la maggior parte dei casi il ‘simpatico di turno’, ne abbia ben donde di parlare di sé prima che degli altri quando prende in giro qualcuno ‘simpaticamente’, ma si sa’, la miglior difesa per molti è l’attacco, un po’ come quando fai a cazzotti, di solito vince chi parte con un pugno per primo perché l’altro non se l’aspetta …

Per fortuna ci sono anche i simpatici veri, quelli che la battuta va bene una volta e la seconda è già di troppo e si parla d’altro, magari ancora di frivolo, ma non necessariamente rivolto a te che non sei, e non necessariamente devi essere bersaglio fisso di nessuno   Ci sono le persone  a cui confidi il tuo malcontento, lo stesso che invece dire di una bella cosa ti sia capitata e la dividi con chi ritieni degno di ascoltarti, e altrettanto fanno gli altri con te, perché è bello ridere, è bello essere seri ascoltatori, è bello essere tutto al di fuori che rompicoglioni   Quella è una categoria che esula dall’appartenere prettamente a gente di bar, la loro mamma è sempre incinta di un altro idiota in qualunque posto del mondo e non solo nei bar

Il bello del bar e il bere o mangiare un qualcosa, poi anche il ridere di una battuta veramente simpatica, come si trattasse di una barzelletta, ma anche farsi prendere per i fondelli se ci si ferma allo stadio simpatia   È bello anche che ti possa scendere una lacrima che cerchi di nascondere intanto che parli di un disagio personale, non meno il contrario, cioè  che la lacrima sfugga a chi stai ascoltando  Come si distingua poi il “rompi” dalla sincera amicizia, non è difficile   Bisogna semplicemente valutare con chi stai parlando, se questi ogni volta che ti rivolge la parola lo fa per prenderti in qualche modo in giro, … o è un idiota totale e non sa interloquire più di tanto perché è un limitato,  o proprio  non gli vai a genio e non sa come contrastarti diversamente da quei pochi momenti in cui sei al bar anche in sua compagnia

Sapere se si tratta di un Amicizia sincera, è ancora più semplice   Se con la persona con cui ti trovi bene e parli di tutto e di più anche se non appartiene alle tue idee politiche, anche se tu hai figli e Lei non ne ha, anche  se a te piace il mare e a Lui la montagna, anche se ami uno stile di vita diverso, ma nonostante tutto si parla,  si scherza si beve insieme e ci si rispetta, allora hai trovato una vera amica, un vero amico, una vera amicizia, un bel modo di sorseggiare un prosecco in compagnia   Gente di bar, vivere da bar, vita…

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...