La’ dove mi sento

img_0219 img_0221Al bar per un caffè, non riesco a pensare di immergermi in una dimensione tutta mia, … meglio a casa, la sera    Aspettando un programma televisivo che mi interessa, mi viene alla mente un discorso che feci la sera precedente

Pensavo che la cosa più bella potessi sognare a parte la mia mamma, fosse l’immaginarmi in un un bellissimo sperduto posto di montagna   La mia montagna, quella cruda, nuda, quella vera   Non solo per la natura del suo essere, quanto invece il vedermi in quel posto io e la mia Susy, che i cagnolini sono un problema in un posto tanto rude, loro sono originari del Mexico, terra calda, terra di fuoco, ma è l’immaginario, quindi li ho temporaneamente esclusi

Pensate con me, di non avere nulla a ‘spartire’ con il resto del mondo   Falsità, ambiguità, malignita’ e ipocrisia per condire il tutto, lasciate alle spalle, lasciate a valle

Sarebbe bello accudire al bestiame che ti procura cibo intanto che ti vende amore, curare un piccolo orticello, fare delle armoniose passeggiate e pensare solo ai pasti quotidiani Dovrebbero essere il dafare di chi cerca la vera serenità, questo è il vero senso di lasciarsi tutto alle spalle, ma rimane ciò che è, … un sogno    Questo pensavo ieri sera, mentre ciò che ho pensato questa sera, è la bottiglia capovolta   Non so bene il motivo per cui mi ha ricollegato istantaneamente alla casa di pietra, ma è successo    Forse che volesse indicare il netto contrario di stare bene, … La montagna è una gioia, al contrario la bottiglia vuota e per giunta capovolta è la tristezza

E si voglia intendere la Montagna, importante uguale come il Mare, come le sconfinate pianure e i meravigliosi colli e clivi    Ammirare, assaporare la brezza salubrina del mare intanto che la luna regala una sua faccia al luccichio delle onde, che le rimandano ai nostri occhi come disegno d’amore, sconfinare la vista con un solo sguardo per vedere l’infinito che ti invade sino all’anima

Direi lo stesso delle montagne, quelle ‘creature’ che si riprendono sempre una gran parte del loro esistere, lasciano che l’uomo le viva per quel pocoo tanto coraggio che ha, illudendolo di averle conquistate    Ma loro maestose e dignitose come solo chi sa’ dare e non chiedere mai,  se ne stanno zitte e compassionevoli q guardare ciò che facciamo

La luna non vi si specchia vanesia, illumina la Montagna con doveroso rispetto, perché consapevole di essere di fronte ad un altra Regina, il Re è il Mare, l’Onnipotente è il Cielo che è l’aria che tutti si respira, la pianura e le colline sono degno contorno di tutto il Creato

Ma io mi vedo la’ in quel posto dove pensare, dove lavorare, dove vivere, dove Amare,… la bottiglia vuota la lascio dove trovo il suo contenuto    Le montagne mi ricordano gli Alpini, e loro mi ricordano l’articolo 100 …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...