La partita della gioventù

img_0427Di nuovo in partita   Un altra giornata da vivere nel nulla che ci siamo costruiti e sembra tutto ma tutto non è niente se non si costruisce la propria casa sulla roccia Basta pensare al sistema in cui siamo coinvolti e ci si spaventa non poco Siamo sistematicamente condizionati da un infinita’ di cose inutili e futili Viviamo nel contesto di un impasto programmato in ogni dettaglio, siamo condizionati a tal punto di non rendercene realmente conto… Anche perché sarebbe superfluo capire dove siamo dentro             Siamo dentro all’impasto programmato della vita che sempre più ci allontana dal vero senso del saper vivere

Ci allontaniamo da sentimenti e valori, così… senza sapere il perché, che così si deve fare in questo nostro modo di esistere    Avessimo più Umiltà, saremmo ancora quelli che sanno annusare un fiore per sentire i profumi della terra    Saremmo ancora persone che tra vicini ci si presta lo zucchero o la farina, saremmo ancora persone che tra conoscenti ci si presta qualche soldo senza interesse nei momenti di bisogno, magari in qualche caso aspettandoci pure di non riaverli più indietro che non è “perché” li abbiamo dati è per cosa lo abbiamo fatto

Il vero sapore libero non è sapere di avere guadagnato abbastanza
per soddisfare le nostre esigenze   Se la mia compagna dice che la cervicale la opprime, io non ho guadagnato un bel cavolo di niente
Lo stesso che se la mia cagnolina Minni ingurgita un osso e gli si conficca di traverso, io ho rovinato la mia giornata e non ho guadagnato nulla

Se Altri stanno poco bene, non può essere una buona giornata, al contrario si deve lottare perché gli Altri stiano meglio,… che stiano bene

Non sono solo le medicine che possono guarire il malessere degli Altri,  bensì il tuo Amore può lenire per primo il disagio di un non star bene altrui
Il sapere trasmettere Amore gratuito e quindi sofferto, è assorbire un poco o forse più del loro non stare bene

Il non stare bene degli Altri che è cosa Loro oggi, domani può servire a Te e diventa cosa Tua,… che il domani è come l’oggi uguale e sistematico come il mangiare, il bere e il respirare… cambiano solo i colori nel cielo e nel cuore

Torniamo ancora in partita, che tra un calcio ad un pallone è un tiro a rete, forse un giorno si segna… ricordiamoci solo di non comperare la palla fabbricata in Cina o in Korea, … l’avrebbe cucito a mano un bambino

Perché quando si è giovani c’è tempo per fare ogni cosa, anche se in quel periodo della vita, si pensa di non riuscire a fare mai abbastanza   Quando si è giovani c’è tempo per fare all’Amore, che poi di tempo ce ne sarebbe di più da meno giovani, il problema che il fare all’Amore è cosa collegata alla mente che è spensierata e libera quando si è giovani…

Quando si è giovani i pensieri e le preoccupazioni ogni inizio serata si dissolvono nel parcheggio di un posto che se ne ricorda il punto esatto solo il mattino successivo Quando si è più avanti con gli anni e non si è più giovanotti, nostro malgrado i pensieri e le preoccupazioni si sono impadroniti quasi completamente di Noi e non le parcheggiamo più da nessuna parte                                                                                       Allora ecco che quando si fa all’Amore è solo per gentile concessione degli stessi malaugurati compagni di viaggio appena nominati che ci concedono brevi attimi di pausa dagli affanni della vita,… tra una bolletta del gas e il mutuo da pagare

Quando si è giovani nemmeno si conoscono certi pensieri e certe preoccupazioni Nemmeno ci si rende conto che un giorno eri al bar e tracannavi una birra, intanto entrava una biondina niente male   Non s’e’ perso tempo, nello spazio di un batter di ciglia avevi in braccio un figlio e mentre lo cullavi per farlo dormire, ti chiedevi un po’ preoccupato se quell’anno potevi portare il bimbo al mare, … che si sa! un bambino ha bisogno di mare,… e hai fatto conoscenza di cupi pensieri e di preoccupazioni, ma non hai detto “Piacere” quando gli stringevi la mano

E sulla porta di casa dopo tante volte che varchi quella soglia, non assapori più l’intenso desiderio che un tempo ti emozionava nel muovere quei pochi passi che ti separavano dal posto in cui velocemente ci si rifocillava e una doccia faceva sparire d’incanto il resto della giornata per prepararti ad una serata più o meno folle

Ora dopo anni non vedi l’ora di entrare in quella casetta per il caldo del camino d’inverno e frescura emanata dalle mura che respingono il calore d’estate

La pioggia scende dispettosa, come ti aspettasse dietro l’angolo con una pistola ad acqua in mano, solo ogni tanto viene solennemente richiamata al suo nobile scopo,… e si riprende assumendo un aria seria e scende copiosa e fragorosa che poco dopo smette per riprendere a giocare a nascondino

E me ne sto qui a pensare, o forse non penso proprio a niente    Oltre quella porta sono me stesso e faccio con rispetto ciò che voglio, gustarmi una vita che ancora non ho capito ma spero ben presto mi sia chiara, come la Luce di ogni alba

Quando si è giovani, nemmeno lo sai che stai giocando una partita, una disputa, un conflitto, una gara, una gioia, un dolore, una storia da vivere in due                                                                  Quando non sei più giovane speri solo di non avere mai odio ma sovente Amore e la partita finisce pari…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...