È un altra serata ed ho voglia di Pace

È un altra serata… e ho voglia di Pace…

quando ero piccolo e veniva sera, non vedevo l’ora venisse il chiarore del giorno dopo… il Carosello finiva sempre troppo presto ed io a letto non riuscivo a dormire

Pensavo a come avrei potuto fare il fucile di legno più bello, e non di meno studiavo il sistema per renderlo più offensivo possibile… ma le mollette migliori rimanevano quelle di legno perché quelle di plastica non erano ancora state inventate o io non ne vidi mai a quella età… e gli elastici che erano “proiettili” erano solo di un tipo… camera d’aria rossa di bicicletta e non c’era differenza alcuna tra le bici da donna e le bici con “canna” dei maschi

Continuavo a pensare in quel lettuccio arrancato nello stipite cieco di un muro… per metà dentro il muro stesso e per l’altra metà fuori,… che fuori è dove mi risvegliavo il mattino dopo, perché per pensare al mio fucile nuovo, mi giravo nell’angolo chiuso, quello che custodiva i miei desideri, una tana

Altri giorni in più tarda età, quella dell’onnipotenza dei vent’anni! non speravo venisse il giorno dopo, speravo arrivasse la sera, per me stesso, per gli amici, per gli amori o presunti tali che ci si confonde spesso tra l’Amore e il Bene,… sono due belle definizioni di nobile sentimento ma ben distinte nei loro ruoli

Le serate di adesso, sono un altro tipo di serata
La desidero come quando avevo la bella età della “stupidera” che significa una cosa a metà tra la stupidità e lo stupore
E un altra serata desiderata è arrivata e me la godo nel modo più sereno, consapevole di aver fatto anche oggi quanto possibile per la mia famiglia o forse non ho fatto abbastanza ma di più non posso

Serata tranquilla come molte altre, a parte il liquore serale quotidiano che per scelta  non berrò per i prossimi 40 giorni… un altra serata… e ho solo voglia di Pace,  la stessa che trovo nello sguardo di belle persone e che trovo negli occhi delle mie adorate nipoti e dei miei amati nipoti, tutti belli come la luna e il sole, l’orgoglio dei loro genitori… mie Sorelle, miei Fratelli con consorti che anche se con qualche dissenso di tanto in tanto, Amo dal profondo del cuore

Sono la mia Famiglia, sono ciò che siamo riusciti a mantenere da un passato con ‘valori’ sicuri ad un presente che di sicuro non ha nemmeno il domani,… intanto nell’orticello del mio cuore coltivo anche un nutrito numero di persone che non sono della mia famiglia ma appartengono al mondo, quindi ancora di me, del mio sangue… gli Amici sinceri, quelli che non pensano di essere migliori di Te perché consapevoli che non esiste nessuno migliore di un altro…

Più passa il tempo e più ho voglia di Pace perché dietro l’angolo c’è l’Amore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...