In fuga con me

SCAPPARE DALLA REALTÀ.

In fuga da me con me   Scappo spesso da una realtà che mi è stata cucita addosso, e io non amo mi si faccia un vestito per una cerimonia a cui non vorrei partecipare.   Fuggo per primo da ipocrisie e falsità, le maldicenze non mi hanno mai preoccupato, ritengo che  le dica chi abbia mai prima e più di me il bisogno di risolvere un problema che lo assilla, fosse l’invidia o aver realizzato poco o niente di quello che in vita si era prefissa di fare la persona che sprizza il veleno di un  maldire.

Poche le persone che non scappano dal quotidiano, e forse nessuna che voglia tenersi per se qualche momento di privata solitudine.  Una mamma si avvicina a dare tutta se stessa per i figli ma anche lei ha avuto momenti per pensare e concepire     Anche una mamma si ama in momenti tutti suoi, sennò non avrebbe il carburante necessario per continuare nel suo percorso d’educatrice. I genitori che fuggono spesso dalla realtà per regalarsi dei momenti per pensare e per riflettere, tengono lontani i loro figli da guai, alcool e droghe varie, il sesso è una conseguenza dell’amore e se si ha una buona base d’educazione viaggia insieme al cuore, altrimenti è un disastro come le cose peggiori.

Uno spazio di intimità personale ottenuto dal fuggire dalla realtà per qualche periodo di tempo… quel tanto che basta per sgarbugliare l’intricata matassa della vita, quel gomitolo di filo d’Arianna che sai solo quando hai iniziato ad avvolgere su te stesso ma non sai quando,  e se sarai in grado di vederne la fine… Quel gomitolo che troppo frequentemente è avvolto a più di due mani e non sai mai quando sono mani sincere o sono mani che fingono di aiutarci ma invece imbrogliano la matassa.  Allora bisogna che ci si prenda il giusto tempo per cercare di capire possibilmente senza addossare colpe a… altre mani.

Scappare dalla realtà quotidiana ma solo momentaneamente e con la consapevolezza di ritornare con i piedi per terra per mettere in pratica il sollievo ricevuto da pochi attimi di tregua cercata nell’intimo del proprio animo.

Ho provato a scappare da tutto con il corpo.   Quella volta a Ferrara mi ritrovai dal mattino alla sera con un macchinone di grossa cilindrata e le tasche vuote, ero nel parcheggio di un hotel da dove volevo ripartire con un lavoro nuovo. O quella volta che mirai di scappare in Svizzera per questioni di cuore… ricordo lo scopo preciso di voler cambiare la vita, oppresso da quella che conducevo. Altre volte sono fuggito con il corpo,  e più d’una andando in vacanza con la falsa speranza nel cuore di mai più ritornare.

È finita sempre e solo nello stesso modo… cercavo con la fantasia di avere qualche momento per me ma cambiava solamente lo scenario diventando camere di albergo diverse tra loro e uguali per lo scopo perseguito. Potevo tranquillamente restare a casa mia e scappare quando volevo ma da sempre sono abituato a “provare”  nuove esperienze sulla mia pelle, e sempre a mie spese perché non è facile fare ciò che si vuole, e probabilmente nemmeno si riesce mai e comunque vada devi saperne pagare lo “scotto”.

Ho scritto qualcosa di me e ho scritto qualcosa di Te e di voi, perché tutti si prendono qualche momento per se’… e al cominciar del far della sera, pensa solo in positivo che al negativo lo affronti con la luce del sole. La sera e poi la notte, servono per portare consiglio e lasciare che la mente ti porti per qualche momento nel posto che desideri sia. Quello che vuoi Tu.

Un pensiero su “In fuga con me

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...