Con le mani fermiamo le parole.

Non è facile dire a parole ciò che ti passa davanti agli occhi, sarebbe come chiedere al cuore di fermare un emozione che ti ha fatto stare bene

È facile dire a parole ti amo, il difficile è metterlo in pratica, ci sono mille modi per dire ti amo, uno solo è quello giusto, è quello vero Per qualcheduna o, non è facile capirne le differenze che io stesso mi illudo di conoscere Pretendere di conoscere l’Amore è pretendere di possedere il cielo ed io ne possiedo solo la parte che per grazia mi vien data per respirare… per questo mi illudo

È facile che il cuore si colleghi in un abbraccio con l’Anima, come è facile vedere uno stormo di rondini che migrano per dirti che il sole quel giorno tramonterà prima per andare altrove portandosi con se i nostri pensieri che variano con la stagione che si sta cambiando l’abito.

Facile… difficile, basta saper mescolare le carte e tutto diventerà ciò che vogliamo sia, e per questo motivo parlerò scrivendo delle mie e delle vostre mani… quell’intreccio di dita che segna il tempo incipiente del nostro trascorrere che tanto confà con il facile fare e difficile metterlo in pratica… Alla fine rimane che è facile vivere ma ci vuole molto più coraggio per sopravvivere.

In fuga da me con me. Scappo spesso da una realtà che mi è stata cucita addosso, e io non amo mi si faccia un vestito per una cerimonia a cui non vorrei partecipare. Imperativo e fuggire per primo da ipocrisie e falsità, delle maldicenze non ci si deve preoccupare perché si ritorcono sempre su chi le dice.

Poche le persone che non scappano dal quotidiano, e forse nessuna che non voglia tenersi per se qualche momento di privata solitudine.

Uno spazio di intimità personale ottenuto dal fuggire dalla realtà per qualche periodo di tempo… quel tanto che basta per tentare di sgarbugliare l’intricata matassa della vita. Quel gomitolo di filo d’Arianna che sai solo quando hai iniziato ad avvolgere su te stesso ma non sai quando, e se sarai in grado di vederne la fine…

Quel gomitolo che troppo frequentemente è avvolto a più di due mani ed è difficile sapere quando sono mani sincere o invece imbrogliano la matassa. Allora bisogna che ci si prenda il giusto tempo per cercare di capire possibilmente senza addossare colpe ad… altre mani.

Mani che si intrecciano in supplichevole preghiera congiungendosi in segno di pace e serenità. Mani che implorano e mani che amano, le mani si stringono o si salutano, mani che dicono chi sei.
Mani nude e mani con guanti che non vorrebbero, mani che gesticolano per convincere o per insegnare.

Mani tranquille e mani che fremono e procurano sensazioni di erotismo supposti e poi consumati… Mani pulite che mentono perché possono dire molte cose, mani sporche di terra che possono dire solo verità.

Le mani lavorano, le mani amano, le mani soffrono, le mani oziano oppure si difendono. Il futuro è nelle nostre mani… per questo dobbiamo portare rispetto al presente non scordando il passato, e che il mondo possa vivere un altro bel giorno illudendosi sia tale.

Scappare dalla realtà quotidiana ma solo momentaneamente e con la consapevolezza di ritornare con i piedi per terra per mettere in pratica il sollievo ricevuto da pochi attimi di tregua cercata nell’intimo del proprio animo che allegro, volteggiava tra i meandri della beatitudine.

Ho provato a scappare per tutto il tempo con il corpo, e più d’una, andando in vacanza con la falsa speranza nel cuore di mai più ritornare.

È finita sempre e solo nello stesso modo… una incessante ricerca con la fantasia di avere qualche momento per me, perché non è facile dire e fare ciò che si vuole, nemmeno si riesce quasi mai e comunque vada devi saperne pagare lo “scotto”.

Ho scritto qualcosa di me parlando di noi, perché tutti si prendono qualche momento per se’… e al cominciar del far della sera, il pensiero sia solo positivo che il negativo lo si affronta con la luce del sole.

La sera e poi la notte, servono per portare consiglio e lasciare che la mente ci porti per qualche tempo nel posto che desideriamo sia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...