Un nuovo anno… speriamo si inceppino tutti i cannoni… C:46 P.899 30 12 2017

È un nuovo anno, che quando da ragazzo pensavo a questo presente, per pochi istanti rabbrividivo al pensiero di avere un età così numerosa.  Al tempo come tutti i giovanotti ero invulnerabile avvolto dalla boria di onnipotenza giovanile, ed era impensabile vedermi dopo quarant’anni bianco di capelli con innumerevoli ricordi belli e brutti, ma a quel tempo bastava dare di spalle per scacciare ogni pensiero che potesse turbare il resto della giornata.

La vita trascorreva con i suoi ritmi e Lucio Battisti faceva innamorare sulle note delle sue canzoni persone che come me non resistevano al fascino di Giardini di Marzo o Luci dell’Est ma, al l’epoca nascevano anche gruppi rock che in segno di protesta per la guerra del Vietnam o per altri motivi  pisciavano o peggio la “facevano”sul palco.

John Travolta con Saturday night Fever infiammava le sale cinematografiche per la sua innocente e pulita interpretazione di una vita da vivere con il cuore ma, allo stesso tempo si giravano film di basso contenuto morale e alto contenuto demenziale.

La politica italiana al tempo fu composta da molti politici che sparsero a piene mani le briciole del solito maltolto  per tranquillizzare il popolo, così che molti si illudessero di essere ricchi o benestanti… un illusione ma, lo Stato subi’ a sua volta duri colpi, atti terroristici che misero alla prova la propria stabilità Democratica. La libertà non si dovrebbe conquistare con il sangue e il risultato per i “sovversivi”,  fu di aver procurato dolore e sofferenza lasciandoci in eredità solo l’essere più deboli, l’onore lo lasciamo per le vittime ignare.

La religione è una presenza di speranza per un gran numero di persone nel mondo, quindi non di meno in quei passati anni si era timorati ma, in nome dell’innovazione che vuole comandare di più ogni anno che trascorre, si sono rimesse in discussione varie costanti delle religioni stesse e si sono fatte avanti anche filosofie di vita che trasmettendo verità  indulgendo ad essere seguite. La Fede è un altra cosa, non va spiegata o c’è o non c’è, nasce nel cuore di chi la desidera.

Fine 70 e buona parte degli anni 80, i ragazzi vestivano da “Luna strass” un negozio che importava balle di jeans che provenivano da Firenze o così ci fecero credere, si trattava di jeans usati logori e sdruciti pieni di buchi e tagli. Rigoroso indossarli di almeno due taglie in più del dovuto, stretti in vita da un cinturone con fibbia che in genere rappresentava un aquila. Clark ai piedi o stivaletti stra usati  e malconci con la punta tipo cowboy s rivolta al l’insù. Maglietta anch’essa di almeno due taglie superiori al necessario e una giacca di renna o presunta tale che inutile dire di taglia extra large ma,  la droga in quegli anni non lasciò in pace questo spensierato modo di essere.

Si presentò con innocenti spinelli che ben presto si trasformarono in eroina quella non perdona perché ti uccide o ti invalida e in quel tempo si insinuò nei ragazzi che sognavano un mondo migliore ma, inventarono contemporaneamente il metadone… altro tipo di stupefacente travestito da medicinale calmante, il gatto che si morde la coda.  È furba la droga ti fa star tanto bene da non comprendere più quanto in realtà stai molto male…  È  furba la droga,  cerca gonzi e sognatori che non hanno ancora imparato a volare.

Il 2000, il fatidico “mille o non più mille” il salto nel vuoto. Pensavamo fosse l’anno che aprisse le porte ad una libertà maggiore., invece ci ha regalato altre brillanti menti pagate per ungere meglio la supposta da infilare nel retto., e ancora siamo stati a guardare con la speranza di un mondo migliore,

Il 2017 ci sta lasciando ottimi cantanti esordienti che faranno innamorare molti altri cuori, mentre un buon numero di rapper si è unito ai rokkettari e insieme fanno allegramente i loro ‘bisogni’ sul palco. Avevamo Sofia Loren, ora abbiamo Herry Potter, e invece dei film demenziali  abbiamo le soap opera o i programmi pomeridiani di intrattenimento…

Il 2017 ci saluta con una politica che non elargisce più briciole di maltolto, è diventata imparziale… non elargisce più nulla.  Il terrorismo ha solo cambiato il colore della bandiera, e non  più casereccio ma arriva da ogni dove.

Le Religioni non sono cambiate che nel numero dei suoi proseliti in continua diminuzione, per compenso stiamo avvicinando il Cristianesimo alle supposte verità aliene e spesso lo associamo anche a semplici quanto belle filosofie di vita, per grazia ancor la Fede o c’è o non c’è.

Si pensava di essere ridicoli nel rivederci agghindati per la posa di una foto o in un filmato degli anni 70, ora quel modo di vestire ci viene riproposto sistematicamente in fasi annuali alterne e non ci sembrano più ridicoli, sono solo pateticamente uguali.

La droga ha cambiato faccia assumendo molti altri nomi e non veste più trasandata, adesso si consuma in giacca e cravatta. Il 2000 al momento lascia trasparire null’altro che i propositi iniziali di speranza in un futuro migliore… e non ci rimane che sperare.

Sperare in un biglietto vincente della lotteria, sperare in un amore.  Sperare di non avere bisogno di medicine, sperare in un mondo nuovo con sempre meno confini e colori di pelle. Sperare che si inceppino tutti i cannoni nel mondo.  Benvenuto 2018, riservarci ciò che abbiamo saputo meritare e lasciaci sperare. Per questo 2018 Auguro a tutti speranza che significa non smettere mai di sognare.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...