Ciao nhè bēlā zēt, heilā ciao bella gente.

Sò bôtat sōh sôlā pultrüna, l’è l’ürā de n’dā n’lèc. Sò in mõdanda ê maglīēta.  L’êè sô, n’dô n’camera de lèc è metè söh ōl pigiama. Turnė n’sala, ė ghê dighe ala mē spüsa… anvai in lèc!?   Sono sul divano in mutande e maglietta, vista l’ora tarda mi alzo e vado in camera da letto, indosso il pigiama e ritorno in salotto chiedendo a mia moglie se andiamo a riposare.

A stô punto l’sô piõ cōsa pensá. O sõ fò di strāss perché ô biìt ō bicēr dé ví in piô è stô bhê, senó stô bhê è sõ fò di strãss n’dônōtra manērā.  Sarál püsibel caà söh öl pigiama per indá a ciamá la mōēr e düsí caalfó dú minüc dopo!?

A quel punto non sapevo più se pensare di avere il cervello “fuori dagli stracci” per aver bevuto troppo vino, e lo stesso mi sentivo bene, oppure stavo semplicemente bene “fuori dagli stracci” in un modo diverso. Sarà mai possibile indossare il pigiama, chiamare la moglie per andare a letto e doverlo spogliare due minuti dopo!?

Al s’è liberat  n’pô di fang n’del servel e n’del cör… la turna la ôia de scrif, chel al tè tira n’sema perché gaôl tace grii n’del cò chei nas dal cör, a condisiù chē al lacrime mia sanc.

Che s’è liberato un po’ di fango dal cervello e dall’animo.  Che torna la voglia di scrivere.  Per scrivere è necessaria molta fantasia che nasce nel cuore solo se non lacrima sangue.

Chè ghè toca dè robá n’pò de tep per entrà nel nostr serç de eta, per stà con noter stess, con chel che an voleres fa, igha, sognà… è alüra fôrsa per chei come mê è come tê… me proe a scrif, te fa l’amur… e tê zogâ, grigna, schersa, chè domá l’é onoter dè. Noter an sè mei perché mi stá bhe con chel neghot che n’gha.

 Ci tocca rubare un po’ di tempo per entrare nel cerchio di vita, per stare con noi stessi, con quello che vorremmo fare, avere, sognare…  E allora forza per quelli come me e Te… io provo a scrivere, e tu fai l’amore, e tu gioca, e tu ridi, e tu scherza, che domani e’ un’altro giorno.   Noi siamo meglio, siamo molto meglio con quel niente che abbiamo.

Ciaö nhé bēlā zēt, se và capita de metsô ōl pigiama e pò n’da n’lec è caâl fò sôbet, figa mia trop caso, l’é n’atem de smariment po ta s’à riprendet sôbet.

 Heilá, ciao bella gente, se vi capita di indossare il pigiama e poi subito coricarsi e doverlo spogliare poco dopo, non fateci troppo caso… è un attimo di smarrimento, poi ci si riprende subito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...