Ōnā sirâ töć insèmā. Eravamo tutti insieme.

Questa sera la mia sposa non c’è.                                                                                                                         Stasįra, ghô vià la mē spüsa.

È andata ad una dimostrazione di creme o ben non so cosa fosse.                                                                 Len’dacia a ōna dimostraziū de creme o al sō mia mē côsa l’era.

La mia sposa era meglio che andasse a ballare piuttosto che pensare di diventare magari più bella unta di creme.                                                                                                                                                                               La mē spüsa l’era mei che l’handāā a balā invece che a pensā de dientá magare piö bēlā perché ûnciadā de creme.

Sino all’ultimo momento, non m’ha detto che andava alla ‘dimostrazione’.                                                           L’ha ma mia dic fina l’holtem che l’andāā alā dimostraziü.

Non mi ha detto fino all’ultimo momento che andava con la cognata e la sua amica.                                             La mā mia dic fina in ôltem che l’ha  n’dāā con la cognadā e la sō amisa.

È furba la mia donna, come tutte le donne.                                                                                                                    A l’he furba la mē flommla, come tōtē i fommle.

S’é fatta furba da quando ha capito che io non ho più voglia di fare bordello.                                                         Le se facia fürba da quando l’há capit che mē, ghö mia  pìõ oia dè sbordelâ!

Forse perché ho sessant’anni, ma più di tutto è perché in vita ne ho ‘fatte’abbastanza’.                                                   Al sará  che ié sesanta, e amó piō de tot ōl perché n’dè eta n’no face a sē.

Allora che vada con sua cognata e la sua amica o con chi alla fine si trovi meglio.                                           Alurā, chē l’andaghe cô la cognadā è la só amisa o con chi ala fī, là se troa piō bhē.

Intanto io aspetto che arrivi.                                                                                                                                        Mē, stō chē a spetālā quanch che l’a rierá.

Intanto i miei cagnolini d’oro, la mia Minnie è il mio Roccia mi tengono compagnia e ci bevo sopra una grappa dietro l’altra, così “impara” a lasciarmi a casa da solo.                                                                                            Intat i mē cagní d’or, la mē Mini e öl mē Rocia i ma thè compagnia e ghā biè drê öna  grapa viá dre l’otra… issé l’ha m’para a lasām a cá de per me..

Io non porto rancore, sto bene anche da solo, con i miei due cagnolini.                                                                 Ma mē ghō mia rabia, sto bhē a de per mē cōnt… coi mē dù cagnī.

Quando la ‘bella’ arriva, fingo indifferenza.                                                                                                              Qual che la bēla la riā, fō a finta de negōt.

Io lo só, Lei si sentirà in colpa, e chissà che non mi capiti che mi si conceda ancora una volta.                          Mē l’sò, l’Ē, la sā sentirà n’colpa, e chi lo sa che me capitē mia che m’la concede a mō una ōltā.

Buonanotte bambine e bambini, sogni d’oro che voi quello che ho scritto non potete capirlo…

Nessuno vi ha mai più insegnato il dialetto, perché nessuno lo conosce più, a parte i vecchierelli come me. Nēsü l’vá n’segnā piô ōl diālēt, perché nēsū la conos piô a parte i veci come mē.

In Italiano ho detto così per i ragazzini… a loro bisogna ‘raccontarla’ in un altra modo.                                          In italiano hō dic issė per i scęčć… Alür bisogna contãglà sō n’dō notrâ manēra.

Mio nonno nelle serate di freddo, dopo aver cenato con patate bollite e un gnocco di polenta appoggiato sulla stufa a legna, andava nella stalla al tepore del fiato delle mucche e raccontava storie ai nipoti. Gli parlava del lupo cattivo che rapiva i bambini che non facevano giudizio. La voce del nonno si faceva bassa, fine fine, un po’ tenebrosa, e iniziava a raccontare la storia…  Quando veniva buio, il lupo passava casa per casa e se vedeva o sentiva una mamma scontenta, portava via il bimbo o la bimba cattiva.  I bambini ascoltavano il nonno a bocca aperta, senza fiatare. Più di tutti la pensavano male chi aveva intinto il dito nel vaso della marmellata, o chi fosse andato al fiume senza il permesso di nessuno. Il terrore era come la lama di un coltello ben affilato, tagliava l’aria della stalla e si sentiva solo il respiro delle vacche. Poi all’improvviso il nonno disse, su, andiamo a letto a dormire adesso figlioli, che domattina ci dobbiamo alzare prima che il gallo canti. Nipoti cari sapete bene che dovete aiutarmi prima di andare a scuola, e dopo pranzo andremo per foglia per il giaciglio del bestiame. Verrà ancora domani sera e vi racconterò come è finita la storia  del lupo e inizierò un altra storia. L’Annibale aspetterà ancora la sua donna che sarà andata a fare una ceretta o altro, e speriamo non si porti con sè anche i cani. Buona età a tutti, belli e brutti.

Ōl mē nōnō n’dí serade dē frēc, dopo it senāt con önā patata buida e ü gnoç de polenta púgiät sölä stüä a lègna, l’indaā nelā stālā al tepür del fiāt di hachę, e a l’glhá contàā shö i storie ai nēuc. Al ghė pārlāā del lupo catif c’hal rapìã i scętí c’aī fàā mia giôdesē. La üs del nōnō la sera faccia basā, fina fina, n’pō tenebrusa, e l’tecàā a contá sô la storia…

Quan chel vegniā fosc, ōl lupo l’pāsāā cá per cá e sal vedià o al sentìà ōna mama scontētā, al portàā vià ol fiölet o la fiöla cātīā. I neùcç i scōltāà ōl nōnō a bocā dervidā sensā fìatá. Piö de tōt, i pensāà mal chi ierā puciāt öl dit nel vaš per rōbà la mārmelāda o chi ierā n’dač al fiōm sensā pērmēs de nesü. Ōl terur l’era come la lama d’ō cortel bel mūlat, al teaā l’aria dēlā stalā che t’ha sentiet adoma  ol respir di acke.

Po al’impruisa ōl nõnõ al disia, sá, n’endem in lēc ades fiōī che domanmatina an ghá de leá shō al prim cant del gal.  Neüc car, al sī che ghī de otam a mōnsz i acke prima de n’dā a scōlā e dopo disnat an vá a fá la fōiā n’del bosch per goerná õl besciam. El vegnerá amó a domassira e vè cōnteró shó come l’e n’dacia a finí chelā del lupo e cominserò ōnōtra storia. Öl Nibel li speterá amó la shō dona che la sarà n’dacia a far la cērētā o d’oter, e sperem che la pōrte mia viá pò ai cá. Buna etā a tōcc, bei ę brōcc.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...