Si muove la città. C.54 P. 392 18 12 2018

Addio è brutto, arrivederci è più bello.
Un insetto quando deve morire è meglio muoia rapidamente.
Nessun essere vivente deve morire sapendo che ciò avvenga.
Deve essere un passaggio migliore per tutti.
Succede quando la vita ha bisogno di stimoli nuovi, è come veder nascere un fiore.
Adesso è tempo ci si tuffi nel groviera del Natale. Ognuno farà quello che deve per ravvivare la fiamma dei sentimenti più belli. E per quelli che il Natale è un giorno qualsiasi, lo festeggeranno nel giorno più bello che avranno nel l’andare di un anno e sarà Natale anche per Loro.

Da chi di buon mattino si inoltrerà nei viali illuminati di mille colori per mettersi in fila davanti a un negozio, che vende l’ultimo modello tecnologico per far conoscere il mondo… e non conosce il vicino di pianerottolo, a chi andrà nel bosco per raccogliere il muschio abbarbicato ai piedi degli alberi o sulle rocce per farne un bel presepe. Sarà Natale, ancora e per sempre.

Intanto la città si muove agitata da mille luci che invitano i passi a percorrere le sue strade giocose che odorano di festa. Colori e suoni soavi come la neve che a breve scenderà da un plumbeo cielo e ammanterà cuori e capanne. Tu non ci sei, non sei qui con me. Rimango con i pensieri che consumano il grigio del l’asfalto che altro non riesco a vedere. Allora chiudo gli occhi e mi incammino su di un sentiero che porta alla cima di una collina. Scricchiolii di foglie secche pestate accompagnano il malinconico andare in un mondo di soavi ricordi. Ho chiuso gli occhi, vedo il bosco ma non vedo Te. Riapro lo sguardo spalancando le finestre sulla vita e vedo la città illuminata che ride divertita, e giocando inventa sapori di castagne… gente e vociare che mi sfiorano la pelle e ancor non ti vedo. Scrivo una lettera a S.Lucia e il desiderio tra le righe é sempre il voler respirare per fare ancora al l’amore… con Te. E’ Natale, e i sogni adornano il viale che porta al cuore e disegnano di luce il tuo volto. M’addormento con una lacrima sul viso, e mi risveglio accarezzando il cuscino vuoto e nasce un sorriso… e Tu sei ancora qui che ti muovi nella città del mio sentimento più bello.

Sia per tuttei  un Buon Natale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...