APRILE. Solo per oggi (completo)

01 APRILE 2020  Santa Dora, Santa Irene, S. Ugo, Santa Bartolomea

Aprile… il nome di questo mese ‘suona’ di nobile in tutti i sensi. Aprile, sembra dire Apri la porta, Apri il cuore… Apri… ti. Trenta giorni di tranquilla monotonia, le vacanze di Natale sono finite da poco più di tre mesi e le prossime vacanze estive in arrivo saranno fra altri tre mesi, si è nel mezzo, si sta in pace a guardare i primi germogli fioriti del pesco e del ciliegio. In questo giorno per una bizzarra tradizione popolare ci si aspetta un ‘pesce d’Aprile’ come quando negli anni della scuola elementare, con una pacca sulla spalla per un saluto si attaccava un pesce di carta appiccicaticcio, il ‘famoso’ pesce d’Aprile a volte fatto a volte ricevuto per burla a volte per invidia e cattiveria, molto spesso per puro divertimento. Il meglio è attendersi un bel mese, gentile come il suo nome e nulla più.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

02 APRILE 2020 S. Abbondio, Santa Ginevra, Santa Igina, Santa  Irminia, Santa Isacco, Santa Isotta, S. Miriam, S. Urbano S. Francesco da Paola

 La moto sputa scoregge e si sente il ritorno del motore in prossimità delle curve quando viene ridotta la velocità. Arrivo alla frazione di Negrone, dove vive e lavora il Giampi. Bello e bravo ragazzone, figlio di una signora mamma, grande e grossa che ha sempre avuto cura dei suoi due figli maschi, una “carabiniera” d’altri tempi, una donna scaltra e tenace.

Curava gli affari della sua officina sin da quando il marito riparava trattori e tosaerba. Il Giampi ha la risata grossa come i suoi bei dentoni bianchi, sguardo che pensa e molto riflette prima di dire sì o no, un ragazzo sincero come il suo sorriso. Si è sposato anni fa con una bellissima ragazza che si diletta nella cura del suo corpo facendo palestra e ballo.  Il mio è un andare indietro nel tempo pensando al Giampi e vederlo mentre d’estate si scotta la pelle anche sotto l’ombrellone. Lo ricordo quando era “fuori” con mezzo bicchiere di vino, lo figuro nella sua tuta blu intera da meccanico, con una lunga cernierona bianca che gli percorre tutto il corpo, dal collo all‘accessorio per fare la pipì.

E ricordo ancora mille altre cose che ci legano felicemente e per fortuna di rado infelicemente, tante cose a partire dal fatto che avevamo trenta e più anni di meno.

Tutto svanisce mentre percorro altri tre chilometri, raggiungo Albano S. Alessandro. Se nella piccola graziosa Negrone i ricordi erano mille, in quel paese molti di più. Ero uno sposo a metà degli anni 80, era estate e la mia lei andò al mare una settimana sulla riviera adriatica. Un amico mi propose una strana serata, lo avrei accompagnato al Number One con la sua nuova fiamma, Marina e sua cugina Roberta. L’unica condizione era quella di riuscire a farmi prestare la splendida Maggiolino nera cabriolet da mia sorella.

Per fortuna o sfortuna accettai perché Roberta diventò la prima pietra con cui ho costruito la disfatta del mio matrimonio sbagliato. Era impossibile per me resistere ad una biondona tutta curve al punto giusto e, come non bastasse con sole diciotto primavere alle spalle.

Mi resi conto di avere sposato un’altra sorella, che già ne avevo tre, e ho anche capito di non voler confondere il bene con l’amore, perché anche il gorgonzola e lo zabaione hanno due gusti del tutto differenti.

Il babbo di Roberta è la persona più buona al mondo ma si atteggiava a duro a tutti i costi e, quando aveva qualcosa da dire, prima bestemmiava pesantemente poi, stringendo i pugni, si agitava ammonendo persone. Non avrebbe fatto del male ad una mosca e, a parte il lavorare e fumare come un turco, altro non faceva.

La mamma di Roberta era premurosa in tutto, anche nel seguire le altre due figlie e il figlio biondo pure lui, Giacomo, una promessa dell’equitazione che poi, chissà per quali strani motivi, prese altre strade che lo condussero alla disfatta del corpo e della mente. Dov’è ora, sicuramente è rimasta l’anima, ciao Jack.  

Vengo invaso da una leggera malinconia mentre sgaso e mi butto in faccia altro vento, altra voglia di vivere, intanto le ruote girano e vado ancora oltre, in un altro paese con altre storie vissute sapendo che altre mi attendono, la vita non finirà mai di stupire.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

03 APRILE 2019 S. Riccardo, S. Sisto

Una storia a lieto fine.

Un mondo di luce ovattata trapassa il buio che l’abbraccia, Maria esce di casa. Servirà ai tavoli di un punto di ristoro. Giorgio, l’autista di un filobus versa l’ultimo tributo del suo orario di lavoro, percorre quel viale alberato e va a ricoverare il suo mezzo di lavoro. Sono le 22 e poco più, Maria inizia il turno di notte e a quell’ora inizia il suo sculettare tra i tavoli. Maria lavora duro, da quel grande amore che pareva avere per Carlo, l’ex compagno, ora non rimane che un mucchio di tristi ricordi, escluso il più bel fiore di mamma, Gloria la figlia nata dalla loro unione. L’ex principe “forse” azzurro, s’é sbiadito di brutto, forse la sua nuova compagna sbaglia il tipo di sapone nel lavargli i vestiti.

Di fatto Carlo e Maria non stanno più insieme con i corpi ma si con i cuori che sono rivolti alla loro ‘cucciola’, e se Carlo come Maria ci mette il cuore, per disdetta e codardia non ci mette i soldi, allora Maria prende la prima comanda al tavolo ‘7’ e dietro le finestre incalzano le prime tenebre. La città si scurisce assumendo colori di pace e tutto tace. È sera tarda. Poi, la notte aggredisce la penombra e la tregua svanirà con schiamazzi e vomiti di chi ha abusato nel cercare di voler star bene nelle ore corte della notte.

Giorgio è un uomo di trent’anni  passati e ancora vive con la adorata mamma Adele. Una storia in passato l’ha avuta quel Giorgio, ma Luisa, la sua ex non ha usato ‘cuore’, e anche per Lui una triste storia d’amore fallita miseramente in un continuo non riuscire a “starle dietro”. Per quanto Giorgio facesse e si impegnasse, Luisa non pareva gradire gli sforzi da Lui profusi che anche fosse ricambiato dal bene, non era amore… forse Luisa fingeva… e dunque non è bello. Nessun vincitore ma solo vinti. Giorgio era finalmente deciso a vivere una vita serena con la madre, piuttosto che non essere corrisposto con il cuore, e quella sera tarda fu aiutato dal destino che a volte vede e provvede, decide di farsi una pizza e si avviò verso la tavola calda dove guarda caso, lavorava Maria…

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

04 APRILE 2017 S. Isidoro, S. Platone.

 I due si incontrarono con uno strano sguardo. Maria guardò Giorgio con il distacco che riserba ad un un cliente, e poi, riguardandolo gli risultò simpatico quel viso di ‘mammone’. Giorgio al contrario è affascinato. Folgorato. Non riesce nemmeno capire perché una ragazza tanto bella possa servire ai tavoli tra mille quotidiani immaginabili commenti sulla sua avvenenza, i perlopiù volgari.

Così rompe la routine del suoi risparmi e frequenta spesso quel locale dove lavora Maria. Mangia tante pizze da farsi venire un ulcera, ingrassa, e la corteggia con rose rosse, Maria non è abituata a tante tenere effusioni d’amore. Forse  per Lei non è il più affascinante degli uomini, ma nessun uomo prima andava a prendere Gloria all’asilo e nessuno prima d’allora aveva portato in riva al mare Maria sussurrandole parole dolci d’amore. È da cosa nasce cosa, così che anche Maria si innamorò di Giorgio entrambi ritrovarono il gusto della vita di coppia così che nacque Luca il fratellino di Gloria che adesso aveva l’età per essere accompagnata a scuola. Carlo se n’è andato anche dalla “nuova” compagna e Luisa aveva trovato quasi subito un sostituto che potesse comandare a bacchetta. Sarebbe una storia a lieto fine non fosse che due persone rimasero infelici ma chi fa del male riceve altrettanto perché come si semina si raccoglie… quindi ad ognuno i suoi frutti,  a qualcuno fragole rosse mature a qualcun altri una mela bacata.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

O5 APRILE 2019 ARA  S. Diogene, Santa Irene, S. Vincenzo

Sto a guardare il “mio” bosco, appoggiato alla loggia più alta di casa, fumando una delle mie quattro quotidiane maledette o benedette sigarette, una dopo pranzo, una nel tardo pomeriggio e altre due dopo cena. Sono la morte sua, i momenti più belli, sempre che l’animo si senta in pace con il mondo che ci ospita, perciò è un piacere perché sono… i momenti più belli. Appoggiato a quel balcone, guardo il “mio” bosco. Mi sta davanti con i pochi alberi che scorgono i miei occhi aiutati dal riverbero dei lampioncini nel giardino, più in là il bosco. Un bosco grande come un fazzoletto di terra visto dall’alto, con qualche centinaio di alberi altiforni. Sto pensando che nonostante un’estate trascorsa, non mi sono mai seduto a fumare una delle mie sigarette su un gradino di legno vecchio che mi fa da seggiola. Non ho mai trascorso una notte sul greto del torrente che bacia il bosco. Ci penso sopra… la mente suggerisce il ricordo di zanzare a frotte sparse su braccia e gambe come fossero particelle di zucchero a velo cosparso sulla cima di un dolce. Vivo ai margini del “mio” piccolo bosco e vi entro solo con il chiarore del giorno, lo stesso che un bimbo s’addormenta con il lume acceso, la differenza è che fumo quattro sigarette al giorno.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

06 APRILE 2018 ARA   S. Celestino, S. Prudenzio, Santa Celine, S. Guglielmo

Sono spuntate le primule e ha vinto un partito politico che da solo non può governare. Chi ha vinto? Non ha vinto nessuno… ha vinto il casinò di tutti i politicanti, il banco vince sempre ed ha perso il popolo… come sempre, perché ha le spalle larghe.

Il popolo è come una stella alpina che nasce tra le rocce di una cima del monte. La stella alpina è bella, tanto bella da nascondersi nel più alto dei cieli toccato dai monti e avere come palcoscenico l’immensità del creato. I suoi spettatori sono miliardi di stelle con luna e sole sempre presenti. Il popolo è bello e puro come la stella alpina ed entrambi non si vogliono sporcare di ipocrisia e vanità, per questo motivo confuso e avvilito, lo stesso popolo vota per sfinimento e non sa eleggere un simbolo di maggioranza, lo lascino in pace a guardar le stelle che il popolo, la luce, ancora la vede.

Magari vince il partito del tuo colore ma è bene rimanga un sogno per non rimanere delusi… del resto cambierebbero solo i volti di altre persone che promettono quello che non sono in grado di mantenere, anche perché non hanno nessun sogno da inseguire, il loro si è già avverato dall’ istante in cui hanno poggiato i loro “interessi” su di una poltrona dorata.

Meglio l’incertezza che una falsa promessa di certezza, volare via da dove siamo, e siamo con chi e dove vogliamo essere, liberi di risorgere perché è appena passata la Pasqua, nuovi propositi e nuove aspettative di vita, sicuri che i sogni non ce li può rubare nessuno, andare nella direzione di chi li sa realizzare e fuggire da chi siamo ora, alla continua ricerca di chi vorremmo essere… come le Stelle Alpine.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

07 APRILE 2017 ARA   S. Cristiano, S. Ermanno, S. Giovanni Battista

La fantasia è l’anticamera dei sogni. Se per errore il sole si avvicinasse alla Terra di qualche chilometro di troppo, è probabile che le sue particelle di vento solare la invadano, trasportate da una velocità ancora sconosciuta alla mente umana.
In pratica, ci ritroveremmo capovolti, volteggiando a pochi metri dal suolo per la perdita improvvisa di gravità. Anche le case volteggerebbero con noi. Anche orsi, mucche e galline si librerebbero nell’aria che nel frattempo diventerebbe difficile da respirare per il suo elevato calore.

È da questa posizione che mi sono immaginato di guardare il mondo in quella fluttuante situazione, per la prima volta l’ho visto nei quattro punti cardinali, distinguendo i grandi Stati.  Bello sentirmi strano, ma di un gran bene che non mi pareva giusto essere solo e per amore fraterno che mi unisce ai miei simili, fantasticando ho voluto che tutte le persone del mondo fossero lì con me.

I colori del creato erano nitidi, dal verde scuro delle grandi foreste, all’oro delle sconfinate praterie, il blu dei mari tropicali che abbracciano l’azzurro di quelli del nord, il bianco delle nevi sui picchi immacolati e tutto il resto dell’arcobaleno della natura. Era bello guardare il mondo da lì, noi che veleggiavamo cercando una risposta negli sguardi degli altri. Cosa stava accadendo?

L’amore si era appropriato dei nostri cuori, non v’era malizia alcuna e non contavano più le parole o il colore della pelle, così che ognuno capiva la lingua dell’altro perché le parole non servivano a niente, si comunicava a sguardi come fanno gatti e cani, che vivono d’amore e gliene avanza da vendere. È stato bello viaggiare fantasticando.

E la fantasia è la migliore delle droghe ma non è una droga… la fantasia è il più inebriante dei vini ma non è vino… la fantasia non stordisce ma guarisce la mente affaticata di ognuno di noi, la nostra mente stufa di ipocrisia e satura di malvagità viste e compiute.

Man mano che si perde la fantasia, si perde un poco di giovinezza, si perde un poco di voglia d’amare, si perde un poco di vita da vivere e anche i minuti smorzano sorrisi e rubano carezze non date. Anche i secondi sprecati dalla propria vanità assommati nel tempo rubano languidi baci d’amore. La fantasia è come la biada per un cavallo. I sogni senza la fantasia si spengono come se la terra non producesse più biada e il sole si avvicinasse troppo al mondo. La fantasia e sorella dei sogni.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

08 APRILE 2016 ARA   S. Dionigi, S. Macaria, Santa Giulia

Al di là del cancello… setantaset, gambe di fomme, (77, gambe delle donne) quarantaset, mort impruisa (47, morte improvvisa) cinquina, ma dai a mo’ te culatuna!!? (ma ancora tu… fortunata!). Era questo l’allegro vociare delle donne il pomeriggio d’estate degli anni 60, le più anziane si riunivano a giocare alla tombola armate di chicchi di grano che tenevano in grembo nella sacca improvvisata dei loro grembiuli neri con fiorellini colorati, le note di “Ci vuole un fiore” di Sergio Endrigo uscivano flebili da una radio lasciata accesa all’interno di una stanza con finestre aperte, e noi ragazzi si giocava a palla, dall’altra parte del cortile, al di là del cancello. Poi, si crebbe e il tempo passò come il sole e la notte scorrono senza sosta, e arrivarono altri tempi.

Solai e cantine venivano adibiti a improvvisate sale di ritrovo, ci si organizzava con un giradischi che emettevano musiche scricchiolanti sulle note di Barry White o Burt Bacharach.

Aranciate, spuma nera, Campari e Martini per i più grandi, a volte qualche pasticcino ma di rado, si richiudevano le finestre e qualunque pertugio lasciasse passare un filo di luce, veniva coperto con teli o manifesti foto dei divi canori del momento, Mal dei Primitives che cantava Betty Blue, Raf con ‘self control’, Gianni Morandi e Adriano Celentano, onnipresenti, erano i più simpatici, ma le ragazze preferivano Elvis Presley o Bobby Solo.

Le ragazze, le ragazze… ragazzi sei, sette, otto, donne una, “barra” due, quando andava bene che ci fosse l’amica della prima, e allora, Lucio Battisti a “tutto spiano” con ‘una donna per Amico’.

Il cancello sempre lì, a guardia di un tempo che ha visto cambiare un secolo e si è tuffato nel successivo, si apriva sui due cortili senza confini, lasciando transitare contadini con carri trainati da cavalli con il loro carico di fieno o pannocchie di grano da essiccare, fino a che il cancello divenne un confine, e non si aprì più.

Ora in tempi nostri, si è visto trasformare le vecchie cascine in bianche palazzine confortevoli, ognuna con un’entrata indipendente, i cortili polverosi sono stati tappezzati dal porfido e non ci gioca più nessuno, servono per farci camminare comodi ragazzi ultra tatuati che camminando si trascinano come fossero sempre stanchi.

Ragazzi che non sentono più canzoni uscire dalle finestre, ma ascoltano con cuffiette dei suoni sconnessi e senza senso che definiscono musica, oppure frasi rimate che per saperle comporre è sufficiente una ‘canna di skank olandese’ fumata dal portinaio, dal muratore, dall’impiegato o il salumiere.

E il cancello sta lì, inutile e stanco di esserci, arrugginito da tempo, e non c’entra più nulla nel contesto del luogo se non per una stupida diatriba tra i vicini, sta lì e non sente più i numeri della tombola, non separa più due cortili, solo, divide dei cuori.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

09 APRILE 2020 ARA   S. Cleo, Santa Cleofe, Santa Ilda, S. Tancredi, S. Demetrio

Siamo in punizione, come quando mezzo secolo fa, la maestra ci metteva in punizione dietro la lavagna perché avevamo disturbato i compagni di banco. Discriminazioni d’ogni tipo, indifferenza in ogni dove. Abbiamo disturbato il vicino di banco. Siamo in punizione.

C’è  tempesta nella mente degli uomini, un uragano d’emozioni che assale prepotente e si rincorre nuotando fra onde sensazionali alla ricerca di una boa di salvataggio che ridistribuisca amore al mondo che adesso trema. Il mondo che adesso è più piccolo e più vicino. Il mondo che ha smarrito i sogni e si copre il viso con una maschera anche se non è carnevale.  Il mondo in Quaresima con nessun fedele che si debba sforzare di fare una piccola rinuncia perché suo malgrado è obbligato a farne cento al giorno.

Non si beve più il caffè al bar al mattino, il mondo s’é fermato e non lavora più, ma deve comunque mangiare. Il mondo, come un fiume in piena, è straripato quando, senza saperlo, ha accolto un nemico invisibile sempre in agguato che si è auto invitato alla nostra tavola. È il leone nel giardino di casa nostra. È quel serpente che insidiava i nostri calcagni per distrarci dalle velleità della vita e noi non ne abbiamo mai sentito il morso.

Un mondo ferito a morte che non s’arrende e fa sentire ancora il suono dei suoi cannoni perché le guerre non cessano. Un mondo che non ha capito o non vuole vedere che il fiume straripa e non è interessato a mettere sacchi di sabbia sui suoi argini. Un mondo che non si è ancora piegato al più grande dramma che sta vivendo in tempi moderni. Un virus, terza guerra mondiale, il terzo mistero di Fatima, forse la punizione al nostro ego più impetuoso e straripante di tutte le acque del mondo. E adesso comincia la caccia alle streghe.

Politici incapaci, che comunque non sarebbero più ‘capaci’ dei presunti ‘capaci’ perché serve solamente la solidarietà di tutti,  le streghe le bruceremo poi, se saremo ancora in grado di giudicare.

Intanto le guerre non cessano ed è solo diminuita la criminalità ma non siamo ancora in grado o non vogliamo mettere i sacchi di sabbia sulle rive del fiume. Fiduciosi, pensiamoci noi, con messaggi mai scambiati prima se non in occasione di ricorrenze e compleanni, con parole vere e non di circostanza. Ci pensa l’ultrà dell’Atalanta che sta aiutando ad allestire l’ospedale da campo nella fiera campionaria di Bergamo. Ci pensa l’idraulico di Milano, l’ingegnere di Bolgare e il panettiere di Ranica che lavora per il bene della sua gente come ignorasse di poter essere investito egli stesso dal gelido abbraccio di quella ‘corona’ tanto ingiusta, posta sul capo sbagliato di un virus.

Ci pensa il giornalista di Sassari e la massaia calabrese. Ci penserà l’Albania che invia trenta eroi, sono tanti i medici, gli infermieri, i paramedici e i Volontari di tutto il mondo che ci penseranno. 
Ci pensiamo noi a mettere sacchi di sabbia sugli argini delle nostre Anime. Poi bruceremo le streghe o, a Dio. piacendo non le metteremo mai più al rogo.  È guerra, ma finirà e ci renderà tutti migliori, usciremo ancora a guardare le stelle e sarà come non averle viste mai così luminose.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

10 APRILE 2015 ARA e 10 APRILE 2020 ARA che andrà al 09 APRILE. S. Ezechiele, Santa Maddalena

L’ORO DELLA SERA

Un sentiero si fa largo tra gli alti fusti dei pini, percorrendolo col fiato grosso in miscela con battiti vigorosi del cuore, insieme distratti dal vento che alterna sibili di nenie lontane, ora lievi, ora di padronanza e rispetto.
I pensieri si rincorrono l’un con l’altro per non lasciar libera la mente dal pensare alla fatica, normale fermarsi per riprendere fiato, perché la mente aiuta e regge fin dove può sulla fatica che, velatamente ingannevole, ha vinto.

Si accorcia di molto il respiro che si è fatto affannoso, solo gli occhi operano senza interruzioni, e butto lo sguardo tra gli abeti, i pini ed i faggi, che per quanto facciano scura la visione a me dinanzi, lasciano loro malgrado spazi aperti che non possono colmare di verde e marrone.

Sollevando di poco il capo, la luce prende a farsi largo tra le fronde, e rivela di contorno le macchie scure che compongono le montagne alte e maestose che si stagliano protese come a voler abbracciare lo spazio in un vano tentativo di riuscirvi, scivolando sul vetro blu del cielo.

Le nuvole corrono veloci e si inseguono nel tentativo di ricomporsi.
Il sole, padrone incontrastato di tutto lo scenario, prepotente sferza il cielo, sbiancandolo fin dove impone la sua onnipotenza con i colori dell’oro. Mi trovo nel protettivo caldo abbraccio dell’amico bosco, che mi dà appuntamento ad un prossimo incontro perché lui sa che domani torno al torrente che lo attraversa, l’ha capito dal mio sguardo sconsolato, e mi saluta con i suoi colori, con i suoi profumi, con i suoi suoni.

Chiedo di regalarmi di nuovo qualche momento, che il sole non è ancora andato nell’altra metà del mondo a rallegrarlo e a farlo rivivere di luce propria con la sua presenza, ancora qualche istante con lo spettacolo della vita nell’anima, ancora qualche minuto prima di riprendere la mia vita fatta di tempo, ancora un poco prima che intinga l’indice sulla punta della lingua per cambiar pagina con questo giorno, guardo il bosco come fosse di carne.

Lasciami ancora o bosco un po’ della tua presenza nel cuore, sarà lo stesso sole, che quando smette di irradiare di luce mi avvertirà, perché non avrò più negli occhi, l’oro della sera.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

11 APRILE 2014 ARA  S. Angelo, S. Stanislao,

E’ arrivata come un arcobaleno improvviso in mezzo al temporale della mia anima e mi ha rischiarato di luce, una luce che non conoscevo perché ero io che ero diventato di luce. L’ho chiamata Pasqua, che era davvero Pasqua, che entra in noi, così che noi possiamo entrare in lei.

Quando l’ho incontrato, lui abitava già dentro me, ma io mica lo sapevo, non è stato amore a prima vista. Ma per Lui sì. Mi ha corteggiato senza invadere l’anima ma entrandomi dritto nel cuore.
Mi ha buttato addosso il suo amore senza chiedermi niente in cambio. Senza accorgermi mi sono ritrovato su una strada a inseguire l’orizzonte dopo che per anni avevo inseguito donne, motori e rumori dell’anima, e in fondo a quell’orizzonte ho trovato Lui che mi aspettava e mi sorrideva per farmi vedere che il suo orizzonte diventava un infinito viaggio di piacere.

E allora che Dio. non si stanchi del nostro ingiustificato malcontento. Lo guardo e mi copro di silenzio che diventa voce che diventa luce che diventa tutto e io rimango con il rumoroso e dolce frastuono della mia moto, della mia donna, della mia vita che riesce a scalfirmi il cuore. E non mi viene altro, ma l’altro diventa tutto.  

Possa soprassedere alle mie manchevolezze, perdoni il mio affanno al nulla, la ricerca continua del vano, possa partire con un semplice sorriso, che non sa venire sul viso inaridito dagli eventi. I nostri eventi. L’innocenza di un neonato è scontata, perciò nessuno nasce cattivo o malvagio, è nel corso del tempo che una serie di combinazioni si intersecano in modi svariati di manifestare la propria esistenza. E allora azzero tutto e riparto da lui, dalla Pasqua e mi basta guardarlo sulla croce per dimenticarmi del resto, per ripartire con l’anima piena di colori, che è la stessa cosa per chi non crede, la Pasqua si infila ugualmente dentro, basta spalancare i cuori all’Amore. E quando lo scopri come l’ho scoperto io dopo un viaggio interminabile fuori da me che mi ha riportato a me, è tutto ancora più bello.

Dio non lascia dubbi e mi ha riempito l’anima di quella luce che ho cercato dappertutto. E per ora festeggiamo, che Dio è gioia, mica tristezza. Buona Pasqua fratelli, bianchi, neri, gialli, rossi, amici e presunti nemici, che nemico al fine non è mai nessuno. Buona Pasqua a tutti.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

12 APRILE 2020  S. Alfiero, S. Zeno, S. Zenone, S. Giulio

La vita rallenta. Adesso la vita rallenta. Si imparasse a chiudere nell’ovile tutti i pensieri che ci passano per la mente. Con l’inganno riuscire a fermare l’immagine eterea del loro parlare, bloccarli quel tanto da andare a rivederli e risentirli quei pensieri, mille si scartano, ma alcuni buoni si tengono. Sono capricci della mente, lei corre sempre veloce senza dare pace al concetto semplice dello star bene di ognuno di noi. 

La mente è drogata di civiltà e si crede superba quanto incontestabile e corre… corre con il ritmo frenetico delle nostre azioni, perciò accavalla e sparpaglia tutti i pensieri senza dar loro un ordine preciso. Quante parole inutili, offensive o semplicemente ‘fuori luogo’ si risparmierebbero in un giorno, e il risultato di questo ragionamento ha un unico sbocco… parlare di meno… ascoltare di più quando i pensieri come capelli si potrebbero riordinare e ancora più tacere, e ancora si impreca alla malasorte quando una ‘cosa, non è andata per il verso giusto’, quando il “verso” l’abbiamo indirizzato noi stessi… è l’esatto parallelo della fortuna o sfortuna, ‘culo o sfiga’ che in entrambi i casi, si ha, o non si ha, a seconda di come abbiamo deciso, se rincorrendo con un cestino per farfalle bucato, o piantar patate in un terreno ‘sicuro’ che prenda la sufficiente quantità d’acqua alla sua sopravvivenza.

Bisogna provare a imprigionare le nuvole che sono i nostri pensieri… non c’è scampo… è Aprile le rose fremono per sbocciare, io mi affido alla Madonna come le rose fossero in fiore… lei sa in ogni mese come arrivare a Dio.

 

13 APRILE 2020  S. Marzio

 In questo frammento di disumana verità, il corpo sta fermo e la mente spazia libera nell’aria veloce come il vento, leggera come una piuma, e irrorata da dolci emozioni si libra serena in un futuro incerto. La guida è quella dello spirito e rimarrà per sempre per scongiurare che nessuno mai nasca per il solo morire.

Vivo perché respiro e penso, sospiro, e mi dileguo nei meandri dei sogni più luminosi di una fantasiosa realtà che affascina l’anima che mi sarà d’importante sostegno.

Volo, e sogno per creare la quiete di un sogno pulito. Voliamo per dare colore ai sogni, voliamo liberi nell’aria che non è solo nostra e perciò si accompagna a un mischiarsi di cose brutte e belle sottili come lei, tanto sottili da essere invisibili ed insieme le arrivano al cuore per ferirlo o per guarirlo.

Fu il mercoledì delle ‘ceneri’ che nessun Cristiano poté recarsi in chiesa per ricevere dal sacerdote le ceneri sul capo ricordandoti che polvere eravamo e polvere diventeremo. Dopo quaranta giorni dall’inizio pandemico, oggi i più fortunati hanno pranzato all’aperto nel loro giardino a debita istanza uno dall’altra, i più sfortunati invece non hanno mangiato per niente come molti altri giorni della loro esistenza.

Oggi dodici Aprile è ancora una volta Pasqua e la fervida speranza è che non risorga solo Cristo ma tutti insieme dalle ceneri di questa terribile pestilenza.
Stiamo già risorgendo, nessuno ricorda di aver mai ricevuto tanti auguri da amici e parenti per questo lieto giorno.
Oggi è Pasqua del 2021, domani è un altro giorno.

 

14 APRILE 2019  S. Ermenegildo, S. Valeriano

Conti gli anni della tua vita? Mettiti davanti ad un tramonto sul balcone di casa tua, o siediti su di un sasso in mezzo ad un prato. La giornata è da poco passata, e tu, ti sei prodigata o prodigato nel viverla, che è quello ciò che fai ogni giorno, onori il tuo essere davanti a ciò e a chi ami, di fronte al mondo a volte benigno a volte ostile, ma tu vai avanti…

E guardi le montagne che si fan nere piano piano, guardi il mare che si fa scuro, saluti il sole che se ne va dietro l’orizzonte pianeggiante, che ovunque tu ti trovi, al momento non conta nulla, c’è il tramonto che saluta il giorno che hai trascorso, e pensi e ripensi se quello che hai fatto sia bello e onesto, o non pensi a niente perché sei nella beatitudine del giusto.

Perché tu sei stata grande, piccola, piccolo, immensa, immenso, poco, tanto, mille le tue varianti, una la tua costante, credere nel domani, cercare di amare anche chi non ami, credere sempre in un futuro migliore, ma anche uguale, che nessuno può scalfire l’animo di una persona che crede in se stessa, ammesso che non venga demolita da un ‘credo’ fasullo altrui, l’integrità ne è testimone fulgida.

E si trova il tempo per altri tramonti, e trovi la misericordia che ti avanza spicciola, e trovi una parola per chi ne ha di bisogno, rifugiata lì, nel proprio castello che ci siamo costruito con nuove realtà, che mattone dopo mattone si continua a costruire con gente nuova, che coinvolga, che stimoli, che irradi con il loro sorriso.

Perché il mondo è dove te lo costruisci, la vita nasce e rinasce dove tu desideri sia la culla, che muore chi vuole morire, vive chi vuole vivere, e spazio e ombre non fanno paura, e non si temono se la forza che alimenta tutto è l’amore.

E sei di nuovo di fronte a un tramonto che ti chiede conto di chi sei, cosa sei e dove vuoi andare, e tu, rispondi con un sospiro e un sorriso a labbra chiuse e cuore aperto, l’aria frizzante di questo mese ti confonde e insieme ti ristora, il bello che entra negli occhi ti inebria di luce, perché invade l’anima che crea calma e pace interiore.

A te donna o uomo dai tanti volti, dal lungo passato un bel presente e un radioso futuro, questo tramonto ti parla con i suoi colori e i suoi profumi di un tiepido germoglio di primavera, a te si presenta per dirti che sei più giovane di ieri, perché oggi la vita e sbocciata nuova nel tuo cuore, con tutta la forza illuminante della tua voglia di esistere e di regalare un nuovo sorriso a chiunque incroci il tuo sguardo… e saremo tutti protagonisti di un nuovo giorno di gioia e bellezza.

 

15 APRILE 2015 S. Annibale, Santa Anastasia, S. Prisco

Dedica ad una mamma. Ciao Mamma, oggi è il 15 aprile ed è la ricorrenza del tuo compleanno. Nascevi il 15 aprile del 1925, e il 21 di Settembre del “58” mi mettesti al mondo, dandomi per nome Annibale per via del nonno morente che mi voleva lasciare in eredità il suo nome ma che per grazia visse ancora una dell’altro tempo e fummo in due per una decina d’anni a portare quel nome. 

Tu mi chiamasti così mamma, come da esplicito desiderio del nonno e della nonna, allora funzionava così, ma non potevi immaginare che poi, nel corso di altri trentacinque anni, sarebbe stato riconosciuto S. Annibale e che sarebbe stato annoverato nei nomi ufficiali del nostro calendario liturgico, né tanto meno potevi anche lontanamente immaginare che fosse inserito proprio oggi, 15 aprile, la data del tuo compleanno.

Questo tu non hai potuto saperlo, non in questo tempo, non in questo mondo, purtroppo te ne sei andata prima, questo fatto singolare mi ha sempre stupito e affascinato, una coincidenza che non è una coincidenza, come lo stesso ho avuto modo di pensare di tante altre cose che avvengono nel corso della vita, cose che mi hanno ‘superato’ legate a diverse realtà fantastiche, ma perfettamente collocabili in realtà esistenti.

Ho appena deposto davanti a Te dei fiorellini bianchi di cui nemmeno conosco il nome, ma per la loro grazia e bellezza non abbisognano d’altro che di essere ammirati, li ho messi vicino a Te, vicino ai tuoi occhi, eri bella… sei bella come tutte le mamme del mondo, sei solo andata avanti, ma ogni giorno sei lì con i suoi figli pronta ad asciugare lacrime di tristezza o a sorridere con loro nei momenti di gioia.

Il Tuo sguardo è fiero, come quando con dignità, fierezza e umiltà hai combattuto le battaglie di una vita vissuta con una dose d’amore tale che la Vergine vi si rispecchiava e suo Figlio vi si compiaceva.

Mi manchi mamma, manchi come il cielo senza il sole e la notte senza la luna, un giorno senza un’alba e tramonto, una fonte senz’acqua, il mondo senza alberi. Sono qui seduto accanto a te mentre ti faccio compagnia con le mie preghiere, ma non è che un innocente pretesto di starti accanto ancora un poco. 

 Sei nata il “15” di Aprile… senza la cattiveria e la malignità ma stracarica d’amore, e ingenuamente, stupidamente me ne approfittavo. Uguale se non avessi vissuto quella parte di vita con Te, è scomparsa insieme alla mia stupidità boriosa,  siamo stati insieme, ma è come se mi fosse stato dato di averti come mamma da quando tu non ci sei più stata, Sei nata allora per me.

Rivedo una foto che ti ritrae, avrai avuto quarant’anni o poco più, ora io ne ho venti più dei tuoi d’allora. Sarà perché si vede con gli occhi di un bimbo, quando la tenerezza si fa largo nel cuore, scompare di colpo ogni differenza d’età quando gli occhi si riempiono d’amore, e vedo ciò che voglio vedere, e mi sembra ancora di essere quel figlio piccolo…  saremo per sempre i cuccioli della nostra mamma, anche a cent’anni, perché una mamma non ha tempo, non ha età, una mamma è per sempre e non muore mai, come Tu vivrai sempre in me, sempre più bella, sempre più giovane, per sempre la mia Mamma. Sei bella mamma, bellissima, continua a proteggermi da lassù, lo sai che non sono ancora cresciuto, e per te non crescerò mai, voglio rimanere il tuo bambino per sempre. Come sei bella, ti voglio bene, buon compleanno mamma, ti Amo.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

16 APRILE 2014  Santa Grazia, S. Lamberto, S. Gioacchino, Santa Bernadette/a

Riavvolgere il nastro della vita e pensare a quando giovani e meno giovani, si pensava solo a fare tacche sul calcio della pistola per ogni cuore conquistato, per ogni cuore infranto, per ogni falso amore accumulato, preoccupandosi solo di superare in numero questa o quell’amico, o presunto tale, perché quando esiste questo tipo di rivalità, l’amicizia si è ben nascosta. Il rifugio  nei meandri della stupidità che spadroneggia a si giovine età. ‘Bisognava’ esagerare, andare oltre, entrare nel proibito della libidine, nel desiderare la donna o l’uomo altrui, cosicché tutto fosse più esaltante ed eccitante, ovviamente il tutto contornato da libagioni sfrenate, gigantesche bevute, e pure qualcosa che superasse il tutto, e che mettesse una bella firma alla stupidità d’ognuno con allucinanti e svariate forme di libido, in modo fosse tutto a “mille”.

Che il corpo sopporta tutto, tanto, troppo ma non per sempre, prima o poi ti presenta il conto, il mio per fortuna non è stato salato. La mente sopporta molto meno, e il conto te lo presenta subito, mandando a spasso voglia di fare, voglia di lavorare, voglia di creare, per lasciare solo il vuoto della mera carne. E per chi va troppo oltre rischia di non rendersi conto che il suo tempo inesorabilmente finisce e spesso non ne rimane abbastanza per rimediare. Per provare a ricominciare, per gustare le semplici meravigliose cose che la vita ti può offrire. Un amore vero, o l’amore vero, verso gli altri, che smetti di pensare di ‘fregare’ per un miserabile tornaconto. Al contrario si inizia a costruire un dialogo confrontandoti. Si vive insieme, ed insieme costruisci una nuova realtà, poco forse, ma sempre meglio del nulla che ti distrugge, del niente che ti annulla facendoti amico di quel satana, che ti ha fatto diventare quel grande latin lover, quello più intelligente di tutti, il migliore nelle file dell’esercito del male, non nell’esercito di quel Cristo, che voleva per te quell’amore puro, sublime, innocente che gratifica l’anima e lo spirito elevandoti ad ambire al più bello dei premi, l’eterna beatitudine. Riavvolgere il nastro e sbagliare ancora… ma con moderazione.

 

17 APRILE 2014  S. Aniceto, S.Arcangelo, Santa Vanda, Santa Isidora, S. Roberto

La coerenza è il più bel sogno irrealizzato al mondo. E ben pensandoci, sarebbe bello capire da chi e perché è stata “coniata” tal parola. Probabilmente da sempre il significato più attendibile del “monito” e non propriamente un’affermazione o un dato di fatto.

La coerenza è quella parola il cui significato per logica è da affiancare al genere umano. Non è possibile dire che quel frigorifero è stato coerente con il libretto di istruzioni, che lo dava funzionante per venti anni almeno, mentre sarebbe corretto dire quell’uomo è stato coerente con se stesso, nel corso della sua vita ha sempre lavorato e badato alla sua famiglia senza perdere un giorno, mai.
E qui casca l’asino, nessun uomo può parlare per sé o per altri usando la parola coerenza che significa costanza, in pratica è una definizione che non esiste, o meglio esiste ma difficile da pronunciare.

Essere coerenti significa fare le stesse cose che ci ripromettiamo di fare, sempre, metodicamente, continuamente e nessuno ma proprio nessuno a partire da me sa tener fede alla coerenza, una parola da eliminare… no, rimaniamo così,  fingiamo di compiere sempre azioni non contradditorie rispetto alle proprie azioni e idee, se perdiamo anche la speranza e la conseguente illusione che la coerenza non c’è, è finita. Teniamocela ancora quella parola anche se serve poco. Coerenza.

//////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

 

18APRILE 2015 S. Galdino

Un sentiero si fa largo tra gli alti fusti dei pini, percorrendolo con fiato grosso in miscela con battiti vigorosi del cuore, insieme distratti dal vento che alterna sibili di nenie lontane, ora lievi, ora di padronanza e rispetto.

I pensieri si alternano susseguendosi l’un con l’altro per non lasciar libera la mente dal pensare alla fatica del tuo incedere, normale fermarsi in fasi distaccate per riprendere fiato, perché la mente aiuta e regge fin dove può sulla fatica che velatamente ingannevole ha vinto.

Si accorcia di molto il respiro che s’è fatto affannoso, e in quei frangenti, solo gli occhi operano senza interruzioni, e butto lo sguardo tra gli abeti, i pini e i faggi, che per quanto facciano scura la visione a te dinanzi, lasciano loro malgrado spazi aperti che non possono colmare di verde e marrone.

Sollevando di poco il capo, la luce prende a farsi largo tra le fronde, e rivela di contorno le macchie scure che compongono le montagne alte e maestose con le sue cime innevate da un inverno che sta litigando con sorella primavera che arriva e non la vuole ancora, montagne che si stagliano protese come a voler abbracciare il cielo in un vano tentativo di riuscirvi, continuando a scivolare nel vetro celeste.

Le nuvole corrono veloci e si inseguono nel tentativo di ricomporsi, il sole dietro di loro padrone incontrastato di tutto lo scenario, con prepotente iridescenza sferza il cielo, sbiancandolo fin dove impone la sua onnipotenza con i colori dell’oro.
Mi trovo nel protettivo caldo abbraccio dell’amico bosco, che mi dà appuntamento ad un prossimo incontro perché lui sa che domani torno al fiume, l’ha capito dal mio sguardo sconsolato, e mi saluta con i suoi colori, con i suoi profumi, con i suoi suoni.

Ma io gli chiedo di regalarmi di nuovo qualche momento, che il sole non è ancora andato nell’altra metà del mondo a rallegrarlo e a farlo rivivere di luce propria con la sua presenza, ancora qualche istante con lo spettacolo della vita nell’anima, ancora qualche minuto prima di riprendere con gli affanni del vivere imposto, aspetta natura, ancora un poco prima che intinga l’indice sulla punta della lingua per cambiar pagina con questo giorno, sii buono con me bosco, lasciami ancora un pò della tua presenza nel cuore, sarà lo stesso sole, che quando smette di irradiare di luce mi avvertirà, perché non avrò più negli occhi, l’oro della sera.

 

19APRILE 2018 ARA  Santa Emma

Volare lassù, tra le nuvole scure di un fine serata di un giorno di pioggia. Volarci in mezzo con un casco in testa e sorvolare i colli, monti e pianure per arrivare al mare con il profumo di salsedine che ti assale dentro, immaginando sabbia sotto i piedi.

Volare come Superman isolati da insani propositi, liberi come un uccello che nemmeno chiede cibo all’uomo eppur si libra voluttuoso tra le ormai nubi scure, ma non tanto cupe da non vedere la primavera di sotto che reclama il suo venire con multiformi colori, e ancora volare insieme alla beatitudine di un belvedere di conifere che germogliano timidi aghi verdognoli dalle cime dei loro rami.

Volare tra le nuvole dei pensieri della gente, senza passarci in mezzo per non confonderli ma sfiorarli delicatamente come accarezzare i petali di una rosa. Il fiore della gente è il più bel pensiero, e sentirne l’essenza è volare tra le braccia di Eolo che soffia su frotte di pecorelle bianche che si disperdono in ogni dove nel firmamento.

Volare nel cuore della notte in un sogno quando ti senti sollevare e riesci a sfuggire ad un leone che, a fauci spalancate stava per compiere il balzo fatale. Fuggire dalle paure del mondo sognando di librarsi nelle nuvole che lo stesso non riesci mai a raggiungere per salvarti da bestie feroci rifugiate nei meandri della mente, quando altre volte capita di salire in volo sulla sommità di un albero, o di raggiungere un balcone e altre volte ancora di riuscire a sollevarti sulla cima di un monte al riparo di una capanna fatta di tronchi.

Non è mai un volo sereno come quello che i tuoi occhi aperti guardano vedendo le nuvole, i sogni sono capricciosi e dispettosi, mostrano la via del piacere come il volare, ma lasciano l’insidia di un leone che ti rincorre nel vano delle scale e dopo una corsa disperata per il rotto della cuffia riesci a intrufolarti nell’ascensore… appena in tempo.

Meglio volare ad occhi aperti sul cielo di una serata all’imbrunire, con un casco da motociclista in testa… per rimanere con i piedi per terra e arrivare sino ai colori del mare, come fanno le rondini nel loro migrare.

 

20APRILE 2018  Santa Sara, Santa Agnese Santa Adalgisa, Santa Odetta, Santa Ildegonda

Si sente solo l’allegro chiacchiericcio del torrente accompagnato da un armonioso  starnazzare di rumori sul mondo che ancora respira profondamente, solo quando s’addormenta è clemente all’udito.  Ogni tanto la soave composizione dei suoni viene interrotta da qualche rumore di marmitte che scorrono sull’asfalto o nell’incantesimo succede di sentire il fastidiosissimo ululare di una  sirena stridula di perfezione, ed è un guaio per il pensiero che lo sente finché sfuma spegnendosi come fosse entrato in un enorme cono vuoto di gelato.

L’intanto osservi il cielo per ricollegarti con lui. Ed ecco riaffiorare pensieri buoni, un “ti prego” per l’anima a bordo di quella autoambulanza e sei di nuovo a guardar le stelle.  Succede spesso, molto spesso, anche quando le stelle sono coperte da un capriccio del tempo, il suo padrone.  Forse perché le stelle le cerchi nel cielo e anche si nascondessero al nostro sguardo, si guarda in alto dove c’è ‘qualcuno o qualcosa’ che per fare star bene il cuore non è necessario si veda,  e allora se non si vedono le stelle, pazienza.  Beato sia chi le vede senza vederle.

E ritorna il pensiero che vien più gradito se frivolo.  Intanto l’ora tarda della sera, si mischia di nuovo con il suono del ruscello e continua ad ammaliare stordendo in una soave omelia quanto chi la predica, e per questo conta molto la “faccia” di chi ascolta perché dietro il viso c’è il cuore di una persona.  Quella musica torrenziale da sogno fa pensare ad un gigante che rumoreggia per farsi sentire, un guardiano di casa che mostra i muscoli avanzando senza sosta nello scrosciare al fiume che lo porterà con se sino al mare che lo restituirà all’infinito.

Perciò è ancora un sentir fluir d’acqua con un orchestra di suoni che le fa da stuolo lungo quanto il più bello dei sogni di una donna all’altare. E ancora un udir di forte ruscello primaverile che corre, salta e si accavalla intrecciandosi in un ballo, finché sul far della notte quell’acqua  sembra danzare fra cristalli di luce irrorati dai raggi di una luna che li bacia nonostante si debba far largo tra la moltitudine di rami e foglie di fresco esplose alla vita. Il pensiero s’e’ fatto cheto e sereno tanto da far capir che ci vuole un niente per stare bene, anche solo saper ascoltare lo scrosciare di un piccolo fiume.

21 APRILE 2021 S. Anselmo, S. Caio

Era notte fonda e il pensiero correva al domani, il buio avvolgeva la stanza e insieme mescolava il presente con il passato. Momenti belli e momenti amari che camminavano man mano con vita vissuta. La vita era lì che si accompagnava con i due ‘compagni’ e di continuo sospirava sopita e annoiata in un viaggio ben conosciuto. La vita ha fatto una lunga esperienza di sé e conosce bene le carte che deve giocare ad ogni ruolo e birichina si diverte a giocare con loro.

Le gira, le mischia e le sparge alla rinfusa sul palcoscenico della sua vita stessa, chiude gli occhi sul mondo, e come l’unica grande chiaroveggente, allunga una mano a casaccio sulle sulle carte sparse, ne prende una, apre gli occhi la guarda e se sarà “settebello” che splende di mille soli sarà un buon giorno, saranno momenti belli, se la carta che la cartomante vita vedrà aprendo gli occhi sarà di un cavaliere “scuro”, non sarà una buona giornata.

Questo è il destino, questo è il ‘fato’… di sicuro invece è che con buona volontà si possa cavalcare lo stesso destino che per quanto sia recalcitrante, sarà sempre nostro impegno cercare di domare… per sentirci bene, per sentirci meglio, per sentirci vivi.

 

22APRILE 2016 ARA   S.Leonida, S. Muzio, S. Virginio

Se una persona lavora, ma non è contenta di ciò che fa, continua a farlo perché pensa di non poter o saper fare altro, ed è estenuante, se un altro individuo studia ma non si concentra, ignora ciò che dovrebbe conoscere, o chi fa musica suona ma non compone, chi fa sport fatica, suda sette camicie ma se non si impegna con il cuore non ottiene nessun risultato, come chi scrive ci prova ma non gli viene quel che in realtà vuole dire… se … Sono i pensieri cupi di ognuno che offuscano lo stare bene dentro, sono le difficoltà della vita che paiono infinitamente più grandi del loro essere ad indebolire la serenità.

Un po’ come essere fisicamente pronti a fare l’amore, ma non avere il collegamento fantastico necessario del farlo e nascono i “sono stanco” di lui, e i mal di testa di lei, lo stesso che avere il denaro per potersi permettere una vacanza ma non avere voglia di partire, o trovarsi di fronte ad una tavola imbandita di ogni ben di cibo e lo stomaco chiuso che ti fa dire non ho appetito.

Nessuno è padrone della propria felicità, quindi di conseguenza nessuno è padrone dell’infelicità, per questo non dovremmo consegnare nelle mani di niente la nostra allegria e serenità, per questo non dovremmo dipendere dalla volontà e tantomeno dai sogni degli altri.

Bisognerebbe ringraziare per tutto ciò che si ha, incluso il dolore che accettandolo si sconfigge almeno in parte. Bisognerebbe fare tutto ciò che puoi in tuo favore e non sforzarti inutilmente per raggiungere una felicità che non si è ancora meritata, senza esigere da altre persone, ciò che non abbiamo ancora conquistato.
Bisognerebbe cercare in noi stessi le risposte dei nostri malcontenti… un antico adagio dice che mal che si vuole non duole, e qualunque cosa si voglia o no, facciamo un buon esame di coscienza, difficile essere stati coinvolti nostro malgrado, e se sì perché non ce ne siamo tolti? Perché non ce ne liberiamo? Volere è potere, nessuna situazione è irrisolvibile o inaccettabile se dipende da noi stessi.

Si dice che non si dovrebbe mai crescere per rimanere bambini così da non smettere mai di sognare. Bisognerebbe fare un bel miscuglio come impastare della farina con delle uova, mischiare amore e sogni, voler bene a noi stessi per imparare ad amare gli altri, sognare ad occhi aperti contro ogni avversità e immaginare situazioni sempre nuove, anche quando il mattino seguente ti sembra stupido e irrealizzabile il tuo fantasticare che lo stesso vuol dire sperare, vuole dire che ti sei preso in prestito un po’ della vita che vorresti. Bisognerebbe piangere… dal ridere.

 

23 APRILE 2016 S. Adalberto, S. Giorgio, Santa Norina

Tra le mani non ho niente, solo tu mi ascolterai, così recita una melodia di un mondo che non c’è se non nella nostra anima, che è più che averla stretta nel cuore.

Si va in cerca di pace e armonia, si vaga con cuore pesante in un sentiero che si spera porti al viale della serenità, si accendono ricordi vividi e lucidi che sbaragliano se non per molto ciò che basta a rintemprarsi in un rinnovato fiducioso camminare con i tuoi pensieri. Perché e’ solo tuo quel pensare, e di nessun altro in quel momento, si apre una nuvola di speranza  eterea presenza, come tirarti le coperte sul viso a ripararti dalle insidie quotidiane, chiedere quel l’attimo di tregua dal mondo.

È un cerchio che ti rende immune dalle cattiverie che al fine son solo vivere, riappropriarti di qualcosa che qualcuno o nessuno ti toglie, ma riconquisti un terreno perduto. 

Nessuno ci ha obbligato ad avere due auto quando ce n’è d’avanzo una, e nemmeno di due cellulari e due televisori con mille canali anche se ne vedi solitamente tre, e due computer quando a mala pena ne sai usare soltanto uno, o di un frigorifero americano che ti spara ghiaccio per dei cocktail che non ti fai mai se non il giorno dell’ acquisto perché l’aperitivo è d’obbligo al bar.

Neppure avevi bisogno di avere due cappotti per un inverno con la neve che non hai avuto il tempo di toccare se non per calpestarla, così come per dieci paia di pantaloni e altrettante scarpe per ogni occasione che sempre sono due, calda e fredda, meglio avere un pensiero in più per la testa che mancarti nell’armadio un colore di una maglia che non metti…ma almeno c’è.

E cerchi pace, armonia e serenità, pensando di rilassarti quel tanto che basta al di la del consumo che si è impadronito dell’essenza di ciò che realmente ti serve, immerso come sei nel trovare nuove soluzioni a del benessere superfluo quanto i tuoi pensieri.

E cammini intanto che la natura si fa vedere con i suoi colori, afferri tra le mani un fiore che se ci pensi non costa nulla, ed è tanto bello nella sua straordinaria semplicità. Osservi i petali rosei e i gialli pistilli, per qualche attimo ritorni uomo, cioè sei un fanciullo con mente libera e cuore aperto, e bisognerebbe afferrare quell’attimo d’insieme con il creato e farlo vivere con la tua carne, capire cosa significa esistere.

Potresti essere nudo, ricco solo dei colori che ti circondano, e vivo con l’aria che respiri, basterebbe niente per avere tutto, noi si cerca oro nelle tasche, ma basterebbe un sorriso e un fiore tra le dita.

24 APRILE 2015 ARA 2020  Santa Melissa, S. Tiberio, S. Onorio, S. Fedele

 E’ il momento di fare la conta dei morti per la pestilenza del nuovo virus che ci ha colpiti.

Mario sfoglia il giornale e fa la conta dei morti e fra le centinaia di immagini che li ritraggono ogni giorno, vede il signor Felice e Caterina sua moglie. Non cucineranno più per Lui favolosi manicaretti caserecci nel loro agriturismo. Non vedrà più Marco, l’infermiere che lo soccorse e lo consolò per un incidente motociclistico, non vedrà più il signor Giovanni quel simpatico signore attempato che periodicamente “bloccava” per ore il Mario chiedendo informazioni per poter continuare e finalmente finire il libro che aveva iniziato a scrivere trenta e più anni prima. Il libro commemorava la memoria del fratello eroe che a tredici anni era al fiume e vide in difficoltà una famiglia composta da mamma e due figli che annaspavano trascinati dalla corrente troppo impetuosa del fiume nel quale incautamente erano entrati per fare il bagno. Il caro fratello si tuffò ed eroicamente trasse in salvo i due figli maschi, ma la madre gli si aggrappò troppo forte al collo, trascinandolo con Lei sul fondo. Quasi quarant’anni per scrivere un libro… quasi quarant’anni per tenere viva la memoria del fratello eroe… ed ora non c’è più.

Mario non vedrà e non parlerà più in video conferenza con Don Francesco che è morto in Africa il giorno di Pasqua, e non parlerà mai più con il signor Felice che abitava all’inizio del bosco e nemmeno parlerà più con la signora Angela, mamma di Pier. Mario non andrà più al ricovero per trovare la zia che a 102 anni nemmeno era più in grado di riconoscerlo quando le faceva visita, e poi ancora non vedrà più la mamma di… e il papà di…

Mario non vedrà più parecchia gente, parecchi parenti, amici e conoscenti. Sperava comunque di rivedere almeno Luisa e Manilia, le due sorelle con il loro nome battesimale che erano state ricoverate d’urgenza all’ospedale per essere poste in sala di rianimazione. Mario non parlerà più con Massimo, che non fu colpito dal coronaV ma è arrivato in fine a dargli il colpo di grazia che Lui se n’era andato… 

Adesso è come sentire il rimbombare di un elicottero di soccorso che sorvola sopra il tetto, e di fatto non lo vedi. Senti solo vibrare le mura di casa e con la fantasia che ti avvince l’animo in quei momenti, avere timore che possa caderti addosso invece che prestare soccorso. È come essere impotenti davanti a un semplice ‘rumore’ e si aspetta solo che passi. Il Coronavirus è così e non rimane che un ‘mea culpa’ per avere questa bella ‘sfiga’ a disposizione dell’uomo, non resta altro la speranza che non cada… sul tetto di casa tua.

 

25 APRILE 2021 S. Baldassarre, S. Doda, Santa Franca, S. Marco, S.Erminio

Un ragazzo indiano tende la mano e riceve qualche spicciolo, poi timidamente chiede in uno stentato italiano cosa ci facciano tutte quelle bandiere affisse ai balconi e finestre delle case vicine e all’ingresso del municipio del paese. Oggi è l’anniversario del giorno della liberazione d’Italia, gli viene risposto da chi aveva dato qualche moneta, e di nuovo con aria stupita il ragazzo dell’India chiese… quanto tempo fa è successo questo avvenimento? Rapido calcolo e la risposta fu, 76 anni fa… il ragazzo non disse e non chiese piu nulla e con una smorfia di stupore, imbracciò il manubrio della sua bicicletta scassata e salutando con un mezzo sorriso che voleva dire… ancora lo state festeggiando! se ne va.

Il giovane non sa che per la liberazione d’Italia si è perso milioni di giovani come lui che hanno combattuto per la libertà, ma in realtà per i motivi dettati da menti folli assetate di potere, non sa nulla di tedeschi, dei fascisti e dei Partigiani, delle crocerossine e milioni di vittime innocenti in tutto il mondo per quel periodo storico.

Non sa nulla dell’Olocausto, la più grande infamia fatta sotto gli occhi di tutto il mondo che accondiscendente taceva, non sa nulla di soprusi, abusi, stupri e violenze gratuite d’ogni tipo perpetrati in nome di falsi ideali associati a una giustizia che di giusto non aveva nemmeno le basi. Quel ragazzo non sa che mio padre ha combattuto una guerra senza sapere il perchè a parte la spiegazione ingannevole che fosse per la Patria… ancora non sa che nel deserto libico  gli veniva dato un litro d’acqua al giorno per resistere a più di 40 gradi all’ombra, e che il bersagliere beveva e ribeveva molte volte in quello stesso giorno dopo averla urinata ogni volta… non sa che per avere il coraggio di affrontare il nemico in battaglia gli veniva dato del liquore che sapeva di benzina e scendeva nello stomaco ad inzuppare il rancio non sempre quotidiano di una galletta ammuffita, ma almeno stordito non aveva così tanta paura.

E se ne va… manubrio alla mano, accompagna la bici fuori dal sagrato della chiesa chiedendosi il perchè dopo tanti anni ancora si commemora questo giorno, ma non può capire quel giovane indiano, noi onoriamo i caduti di una inutile guerra, come lo sono tutte, lui la fame la vive ogni giorno… come anche noi… in un altra stupida guerra invisibile. Onore a Te papà, onore a medici e infermieri, i nuovi eroi.

 

26 APRILE 2017 Santa Alida, S. Anacleto

♦Una bella storia. Quando succede qualche cosa di strano o di insolito in un paese di provincia, le voci corrono come fosse un tam tam battuto su dei tamburi nella foresta, e dove non arriva il nitido suono del tamburo, arriva l’eco che ne sfalsa a volte poco a volte molto il significato stesso del messaggio in note…

Lo stesso avviene quando corre una notizia del tipo che Pierino ha comprato cento galline al mercato, ma il suo pollaio ospita solo un gallo. Oppure che due persone non sposate tra loro siano diventate amanti da quando sono state viste parlare tra di loro per due minuti al caffè del paese dove si erano ritrovate per caso.

Insomma il tam tam dei tamburi affievolisce il suono scemando nella foresta, al contrario il tam tam dei pettegoli che aumenta il suo rumoreggiare e la sua importanza con il passare dei giorni, alla fine sembra un fiume in piena di notizie che si mescolano nel fango della menzogna e delle falsità, la parte vera di ogni storia è sepolta da macerie di ipocrisia.

Questa era l’introduzione del voler dire e spiegare di quello che è successo in quel grande paese di non poche anime È in quel posto che nasce questa storia che giunge con un tam tam prolungato di chissà quanti giorni, forse per questo si è un poco ‘sporcato’ il racconto, forse è questo il motivo per cui è stato alterato il significato e alla fine non si sbroglia la matassa ma si va per logica deduzione…

 

27 APRILE 2017 S. Attimo, Santa Rita, S. Simeone…

In uno dei bar di un paese Lombardo, sono passate da poco le dieci di sera, a quell’ora o in un locale c’arrivi o è l’ora in cui s’e’ fatto il “pieno” ed è ora di sgombrare e tornarsene alla propria casa…

Così che Mario il macellaio è seduto al tavolo in compagnia di Aldo il parrucchiere di tutti i sessi che “stampa fulmini” sulle rasature dei più giovani, con loro c’è anche Amilcare il fornaio che sforna il ‘pan boccone’ per persone che amano il morbido, e sfilatini croccanti che ricordano la baguette per i più virgulti giovanotti Con loro c’è pure Giorgio il dott. commercialista che imbratta carte e applica leggi approvate per diminuitre il benessere di ognuno di noi e poco lontano in un altro tavolo sono seduti Gianni e Mauro due dipendenti di una locale officina meccanica, e ancora il Luigi.

Quando il Mario comincia a raccontare di una storia che pare sia realmente accaduta, i due meccanici e Luigi si avvicinano al loro tavolo trascinando con una mano le sedie di sotto il sedere e con l’altra mano sorreggono un bicchiere semicolmo di un qualche cosa da bere… e vogliono ascoltare.

Il Mario è persona rispettabile, taglia e affetta nel modo migliore un quarto di bue, e regge più di un bicchiere di vino in compagnia al bar, persona che si ascolta quindi, così che inizia a raccontare di un tale concittadino del paese che veniva dal Sud e amava talmente tanto la moglie che alla sua prematura scomparsa decise di seppellire con Lei tutti i loro averi e non solo gli averi del cuore ma anche gli averi materiali, oro gioielli e un ingente somma di denaro che quest’uomo affranto dal dolore, fece tramutare in pesanti lingotti d’oro facendoli liquefare, e appunto li seppellì insieme alla sua amata e insieme al suo cuore che da quel giorno giurò non fosse mai stato più di nessun altra donna.

E così come arrivò da un lontano paese del sud già ricco imprenditore, improvvisamente sparì nel nulla a distanza di pochi giorni, povero di averi e di sentimenti, fece ritorno nel caldo sole della sua regione, fosse l’ultimo dei suoi desideri terreni.

Mario stesso non sapeva quale fosse il cognome dello sventurato marito che tanto amava la sua dolce metà e tanto meno conosceva il cognome della donna che gli aveva lasciato un vuoto tanto grande da farlo rinunciare a gioire dei beni materiali.  Livio e Amanda, solo i loro nomi conosceva Mario. Un tesoro sepolto insieme al corpo di una donna di nome Amanda, in quel preciso paese, e Mario a sua volta lo seppe di “seconda mano”… o “terza?”… l’eco dei tam tam in una cittadina non finisce mai… si mescola al fango delle chiacchiere.

Quindi difficile risalire ad un preciso periodo in cui individuare la sepoltura di una giovane donna deceduta di malattia del secolo, e il marito dopo quel tempo tornò da dove veniva… per non ricordare… come infatti fece per rendere più lieve il dolore che gli ricordava momenti di vita vissuti al parco o al cinematografo o quella piazza dove l’amata il 25 Aprile applaudiva l’arrivo della banda musicale sulle note del l’Inno Nazionale. Erano giorni di festa erano giorni d’Amore…

28 APRILE 2017. Santa Valeria, S. PierLuigi.

… È una storia come tante, ma incuriosisce sapere di più e ognuno fa le proprie domande… principalmente ci si chiese chi possa essere ‘stata’ la defunta e ovviamente dove sia stata sepolta insieme al tesoro lasciatole dal marito.  Subito il Mauro supportato dal Gianni suo compagno di lavoro adduce che sono sicuramente da cercare tra le tombe più belle… Luigi non disse nulla, ascoltò

Quella tomba con l’Angelo con le ali a riposo che guarda dimesso al Cielo potrebbe anche essere quella ‘giusta’ Aggiunse il Gianni… che anche quella grande statua in fondo al Camposanto, quella tutta di marmo nero con venature di mare potrebbe esserla… Invece Giorgio smentisce la versione dei due amici, sicuramente dice il commercialista, il marito della donna non voleva si creasse l’interesse per eventuali “trafugatori”, oggi nei cimiteri si portano via pochi kilogrammi di rame, figurarsi se non si ruberebbe un tesoro nascosto… No! secondo Giorgio la tomba che ospita la Donna e il suo mistero, è sepolta in un umile loculo.

Magarii in quelle ‘celle’ sospese che ricordano moderni alberghi Giapponesi o i più moderni alloggi anche Italiani che sono vicino agli aereo porti che ospitano persone per una rinfrescata veloce e un riposino leggero. Per Giorgio e pure per Amilcare il tesoro è sepolto nei “colombari” per confondere, per non dare nell’occhio come si suol dire…

Giorgio… gli antichi Faraoni Egizi erigevano enormi piramidi per commemorare la loro dipartita ma si dice anche che la camera mortuaria che costudiva corpi e tesori , fosse ubicata al centro, piccola e angusta, apposta per depistare gli eventuali ”trafugatori ”, il loro accesso era difficile e insidioso progettato dagli  architetti del faraoni… e si narra anche venissero sepolti insieme al segreto che costudivano…

Le discussioni si infittirono, chi diceva questo e chi asseriva quest’altro, certo un tesoro nascosto che per il suo valore stimato dalle supposizioni, poteva cambiare la vita di molti quindi non solo incuriosiva, allettava e stuzzicava l’interesse di tante persone… e il mistero si infittisce così come le chiacchiere al riguardo che miseramente si spengono con il passare del tempo…

E passarono gli anni e tutti preferirono pensare e credere che fosse una bella fiaba la storia triste di un Amore tanto grande finito in tragedia e con il tempo nemmeno ne parlava più la maggior parte degli abitanti del paese… Sino al giorno che… Il Giorgio commercialista, Il Mario macellaio, Amilcare il fornaio e Aldo il parrucchiere, una sera si ritrovarono assieme in un ristorante, per commemorare la loro amicizia, amicizia che fu estesa anche per simpatia acquisita a Mauro e Gianni… i due metalmeccanici, così che anche loro fossero presenti all’allegro convitto che molti anni dopo commemorava una loro ‘rimpatriata’. Da quella sera di molti anni prima che si narrò di quel tesoro nascosto, nessuno parlò più di quella triste ma anche intrigante dolorosa vicenda… e.

Gioco forza chissà mai chi iniziò a riparlare in questa convitto d’amici di quella storia… Fu che dopo molti anni si stava ancora riparlando di quella vicenda un po’ fiabesca… e ricominciarono gli interrogativi… C’erano tutti quella sera a cena… mancava solo il Luigi… al che uno chiese cosa ne fosse stato di Lui… qualcuno rispose non so’… Solo Gianni disse di avere ricevuto una cartolina qualche tempo addietro, proveniva dalla Florida che lo ritraeva nella piscina di casa sua in compagnia di una bionda mozzafiato… Luigi al tempo del fatto era il becchino… Chi muore tace e chi rimane si dà pace… Tesoro ritrovato, storia finita…

29 APRILE 2019 Santa Caterina, Santa

Siamo nati nudi e moriremo nudi. Siamo nati deboli e tali di nuovo ce ne andremo. Siamo nati senza soldi in tasca e senza ‘materialità di alcun tipo… ce ne andremo senza soldi e senza materialità. La nostra prima doccia è stata quando qualcuno ci ha lavato e vestito, la nostra ultima doccia e quando qualcuno ci laverà e ci vestirà… questo siamo noi, esseri umani… si nasce e si muore nudi.

Allora perchè tanto affanno a crearsi tanto orgoglio, tanta cattiveria, tanta invidia, tanto odio, rancore e egoismo. Non abbiamo tanto tempo a disposizione per dire chi siamo e cosa vogliamo… ieri erano venti gli anni, oggi sono cinquanta e domani saranno finiti, non sprechiamo tutto il tempo a disposizione per lasciare dei ‘soldi’ o degli averi se poi non abbiamo insegnato a chi rimarranno cosa vuol dire amare, è l’unica cosa che conta… è l’unica eredità di cui ognuno può fruire, l’amore, perchè la vita è un soffio di vento e non bisogna perdere l’essere sospesi leggeri nel cielo.

 

30 APRILE 2021. Santa Rosamunda, S. Lodovico, S. Pio

 Impensabile ci si possa beare dell’illusione sia altro che trascende dal naturale per sfociare nel mondo non del tutto fantastico che con il tempo si costruisce intorno alla nostra vita, bisogna ci si aggrappi ad alcuni esempi di altra vita esemplare, bisogna che con fiducia e molta speranza ci si affidi all’aiuto di qualcuno, così che si sfidi la sorte nella ricerca di un ‘amico’ sicuro. La gente ha bisogno di altra gente, nessuno è qualcuno senza qualcun altro, e per rimanere in argomento è commemorabile la conversione di San Paolo sulla via di Damasco. Un personaggio biblico in cui ci si può identificare nel somigliarli, di certo, noi, non si è mai perseguitato dei Cristiani, ma lo stesso in passato tutti hanno il loro scheletro nell’armadio. Scagli la prima pietra chi non ha mai peccato… e tutti mestamente si ritirarono. Convertito San Paolo e Sant’ Annibale, convertito io che non sarò mai santo…se non agli occhi di Dio. se saprò meritarlo, perché tutte le persone del mondo sono in “odore” di Santità, basta lasciare una strada incerta per la Maestra… e non è mai troppo tardi per iniziare a vedere la ‘luce’.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...