Finale di un capitolo di vita.

Finale di un capitolo di vita. Da quella casa riparto, quel cascinale nella città, che era fuori moda già ai tempi della mia fanciullezza. Uno degli ultimi baluardi di un capitolo che si era abbarbicato in quella fase di vita, forse speranzoso ma di certo spavaldo di non cedere all’incalzare del tempo, che inesorabile rubava spazio ed essenza.

Come un vecchio mausuleo che sta li a ricordare come si viveva nei primi del novecento. E noi, io e la mia famiglia, con un piede dentro ed uno fuori da questa realtà, perché ci piaceva vivere in due condizioni, che la prima soddisfaceva i miei genitori, o almeno uno di loro, e la seconda era rincorsa da noi figli con quella smania che ti fa desiderare tutto e subito, dettame di un età virgulta, smania e desiderio di tutto, che poi spesso per chi ne abusa non da niente… e per grazia degli altri 5 fratelli solo io ne abusai. Per determinate persone la vita è rincorsa alla velocità del suono, e quando meno te ne accorga, si è già presa una bella fetta di te, lasciandoti l’amaro in bocca nel dire… avrei potuto fare, avrei potuto dire, non avrei dovuto fare e non dire.

Che i più saggi dicono che non si vive di rimpianti, ed io con loro, ma non del tutto, ancora sto analizzando ed elaborando questo importante messaggio, per potergli attribuire una mia risposta. In fondo sono rimasto ciò che ero, un inguaribile inseguitore di sogni, che qualche d’uno li ho realizzati, molti no. I sogni sono tanti, e i di più non son sogni ma spesso scomode realtà, come trovare l’amore con la A maiuscola, che ringrazio Dio. di avermene fatto dono. Segue appiccicata come un francobollo, una bella famiglia, dei figli di cui si possa essere orgogliosi, il lavoro, che non è inteso per un mero stipendio, almeno per me che non è mai stato lo scopo principale, ma bensì, che ti piaccia e non ti faccia sentire di sprecare il tempo. Perché ‘uno’ di tempo abbiamo, non ‘due’, ‘uno’, e va vissuto a ‘mille’, sennò non ha senso nulla, vivere per morire è un concetto, vivere e poi, solo poi morire, è tutto un altro modo di vedere la faccenda.

Da qui il mio “nì” al non avere mai dei rimpianti, e spero con il tempo di farlo diventare un sì, ma pur ottimista, dubito.  Di una cosa son certo, l’amore che ho per i miei respiri, l’amore che ho per tutta la gente, e per questo ringrazio mia madre di avermi saputo trasmettere amore allo stato Puro, e mio padre che da piccolo mi ha fatto conoscere usi e costumi di gran parte del Sud della nostra bella Italia, che quando tornavo al nord dove abitavo non mi riusciva di capire perché ci fosse della stupida disparità tra nord e sud, le differenze per me erano ridicole, perché proprio non esistevano, dai risultati finali lo stesso identici nelle singole analisi, ma qui “se la gioca” ancora oggi l’ignoranza e la destabilizzazione voluta da qualcuno per meri interessi, perlopiù politici.

Ma sono altri discorsi, che si era nel mio gran viaggiare, metà da turista, e metà da ospite in terra “straniera” che la seconda è l’unica che ritengo valida veramente, o perlomeno con un significato più forte della prima. Che quando ero in giro con Papà, nei suoi tanti viaggi per lavoro, mica potevo seguirlo a sette anni sulle navi attraccate al porto di Brindisi, dove lui di fatto lavorava, o di Taranto, o di Lecce, c’era sempre il guardiano di “turno” che mi intratteneva durante il giorno, e mi faceva giocare nel porto, con conchiglie e pietruzze di pirite, che agli occhi di un bambino com’io ero, erano pezzi d’oro facenti parte del tesoro dei pirati. Altrimenti, mi imbarcavano con i pescatori del luogo per una istruttiva partita di pesca. Ancora ricordo come ritornati in porto, battevano decine di volte a terra, i poveri polpi catturati, e per finirli, e per rendere la carne più morbida, ed io che mi sforzavo di capire il loro strano e bel dialetto mentre che parlavano tra di loro rivolgevano lo sguardo al mio timido sorriso. Anche a Bari non capiva nulla di ciò che dicevano quando si aprivano quelle bocche rugose arse dal sole ma lo stesso era simpatico il loro dialetto. ’Plateale’ e importante il Napoletano, ‘serioso’ il Siculo e chi più ne ha ne metta per il dialetto Sardo che se non ci fosse, bisognerebbe inventarlo. Che se un meridionale poteva sentire il nostro  dialetto a prescindere da quanto si possa capire, non gli sarebbe  risultato  certo orecchiabilmente migliore del proprio, e sicuramente non più simpatico, ed ecco che alla fine son tutti uguali, semplice!

E ancora quando nei miei viaggi di gioventù con fame di sapere e di avere, ho avuto modo di gustare la squisita ospitalità Calabrese, con le signore vestite di nero senza età, che se chiedevo una zucchina, me ne andavo con la sporta piena di tutti gli ortaggi possibili. I Sardi e i  Corsi, due civiltà dissimili profondamente, ma entrambi rispettosi ed attenti all’accoglienza del prossimo, ti basta di riempire lo sguardo nel verde azzurro dei suoi mari, e se non ci devi vivere, altro non mi è servito.

Che il mare di Sardegna, lo ritengo a mio personale giudizio il più bel mare che  abbia mai visto, e una decina almeno ho avuto fortuna di vedere.  Non da meno sono legato a bei ricordi di mille estati folli passate in innumerevoli paesi della Costa Adriatica, la nostra “Las Vegas” che con i suoi 150 km. di spiagge  e tradizione alberghiera non è da meno a nessun luogo al mondo che abbia le stesse caratteristiche. Come non da meno a nessun’altra città, abbiamo all’inizio di questa costa, la splendida Venezia che per quanto l’abbiano ad imitare, e’, e rimane sempre unica, ma di questa città non nutro un particolare piacevole ricordo, forse perché il mio approccio era legato ad una triste strana storia d’amore, e ciò ne ha condizionato le visite future alla bella città lagunare, piazza S. Marco e’ l’unico posto che non mi rende tristezza nel suo insieme, e se aggiungo che il suo famoso carnevale mi mette tristezza al contrario che rallegrarmi, il quadro grigio e’ completo. In tutta la mia esistenza, tante volte mi sono chiesto perché il carnevale non mi piaccia, e siccome non mi sono mai dato una risposta soddisfacente al riguardo, ci rinuncio e vado oltre, che si vive anche senza maschere.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...