Natale. Solo per oggi.

È arrivato un altra volta Natale.
Un ‘Christmas’ di tutto il mondo, è arrivata S. Lucia con gli occhi in mano e ha raccolto migliaia di migliaia di letterine poste ai suoi piedi. Letterine di bimbi benestanti e di ‘poveri’… che altre categorie del settore non son rimaste… le ha lette e le ha soddisfatte tutte quante, perché se un bimbo crede in un sogno lo rincorrerà per tutta la vita.

Poi è arrivato anche Babbo Natale o San Nicola di tutto il mondo, sta riposando seduto sulla slitta dopo aver ben rifocillato le sue adorate e servizievoli renne in attesa della consegna degli ultimi doni ai bimbi buoni e ai meno buoni, perché per il carbone ci pensa la befana il ‘sei’ di Gennaio a darlo ai cattivi.

In questo ‘Natale’ dove si indossano mascherine, coraggiosamente la gente ha illuminato balconi e abeti nel giardino in segno di ben augurante segno di fiducia e speranza che questa pestilenza con buona diligenza da parte di tutti, abbia a cessare.
Il municipio di ogni paese e città ha illuminato a festa i loro viali migliori, ad auspicio di un futuro migliore.
La risposta più adeguata alle circostanze che ogni ‘primo cittadino’ di ogni paese e città che intenda far fa capire ad un incontro di cuori… che molto altro non c’è da fare.

La pestilenza via etere va vinta con il buon senso e null’altro.
In questo caos di eventi straordinari natalizi si fa presto a perdere il lume della corretta ragione e comunque esiste sempre chi merita che la Befana gli porti carbone perché ha “puntato il dito” verso qualcosa o ‘qualcuno’ invece che pensare di “puntarlo” su se stesso e cercare di risolvere il problema.

Natale arriverà ancora con l’eterna rinascita nascita di Gesù e quest’anno ci saranno più pastori e contadine ad adorarlo, il bue e l’asinello faranno meno fatica a riscaldare quella piccola Immensa creatura adagiata in lembi di paglia, il fiato di altre anime adoranti si è unito all’esiguo numero di partecipanti di prima covid… un vecchio adagio Cristiano recita a monito… “Quando nessuno mi vuol più, mi rivolgo al buon Gesù…che non se n’e Mai andato, ed è un altra volta Natale.

Luci colorate o color del ghiaccio in ogni dove, avvolte da un silenzio interrotto solo da qualche automobile che sfreccia veloce su strade semi deserte prima del coprifuoco delle 22.
Ogni persona che incontri per le strade ti sembra abbia messo qualche kg. in più, al contrario incontri facce che di colore della loro pelle, non capisci a che etnia appartengano e poi parlando del più e del meno ti dicono di essere in dieta che non ritengono ferrea, ma in realtà è come dire di essere Leonardo Di Caprio nel film “La maschera di ferro”.

È Natale ancora, questo con mascherina, e la gente cosa pensi nei cuori… non si può sapere… si sa per certo che nella fantasia riposta nel cuore abbiamo avuto Santa Lucia, Babbo Natale e senza fantasia ma tanta gioia, Gesù, la Divinità incarnata per i credenti e la ‘Persona’ più buona che abbia mai calpestato questa terra per qualunque altra Religione, Ragione o Convinzione.
Gesù, l’unico figlio di Dio. o l’unica ‘Persona’ che non ha mai abbandonato di stringere la mano di chi soffre nel corso dei secoli, fra mille purulenti pestilenze naturali e chimiche, guerre e disastri naturali… molti in quelle situazioni non sapevano dove aggrapparsi se non alla speranza, alla fede, all’Amore e alla fine della loro ricerca di cammino… lo hanno finalmente ‘visto’ e gli hanno teso la mano.

Coltre nebulosa… intimità dei cuori, Pace dei sensi, armonia di vita rubata a ‘spiccioli’, il manto di foschia che ci avvolge, protegge dai cattivi pensieri, ci culla come suoi, ci ama come noi abbiamo lei, la nebbia.
La neve non c’è più, o lo stesso è poca, e quella poca, arriva per beffa in anticipo alle le vacanze di questo Natale che non faremo. La nebbia ci rincuora in un dolce ricordo, anche se per questo dobbiamo attribuire la mancanza di un vello bianco perche ‘mangia’ la neve, ma è quel che ci rimane, è quel che abbiamo seminato e nel ‘raccolto’ è così che deve andare.

Bisogna si veda questo Natale con una nuova prospettiva di pace, dobbiamo ricordare questo ‘olocausto’ per sempre perché ogni volta ci faccia capire quanto stavamo bene senza di lui.
Dobbiamo credere in un futuro migliore, un altra opportunità che nasce dalle ceneri di una guerra senza colpevoli se non la stupidità umana.

Tutte le persone di buona volontà auspichino per una rinascita globale, per essere forti nell’affrontare il futuro, che non sarà inclemente nel presentarsi in nuove insidiose vesti, ma finché avremo Santa Lucia, San Nicola e Gesù, avremo sempre riposta e ripagata speranza e riusciremo a vincere tutte le avverse situazioni che ci preparerà il mondo.
Abbracciamoci con l’amore, copre distanze senza limiti e trafora monti e attraversa i mari, niente e nessuno può fermare l’Amore. Buon Natale, allegri… in maschera come fosse sempre carnevale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...