Un Amico di giorni felici

Come è difficile sapere come sarebbe stata la nostra fotografia.

Tra persone inconsapevoli e alberi pieni di foglie.
Tra un suonatore di fisarmonica e sole.

Sedie impagliate davanti ad una tavola imbandita.
Bimbi che si rincorrono facendosi male giocando ai cappelloni.

Da noi si chiamavano così i cowboy.
Senza un ritorno pieno di polvere per abbracciare chi bionda e pettinata gli correva incontro dopo aver messo le vacche nel recinto.

Come è bello sapere di avere facile o partita vinta.
Sorridere a salve tra mille viaggi nel deserto.

Ma ci avvicina la fortuna o tutto quello che vuoi.
Ma ci avvicinano le cose che fanno anche piangere e le occasioni.

Tra persone inconsapevoli e alberi pieni di foglie.
Tra un suonatore di fisarmonica e sole.

Tu che dai le carte e io che ho perso fantasia e giudizio.

Bella la nostra fotografia… Gigi

Ed è una storia che riguarda Te, compresa come si comprende il vivere, per chi è abituato a soffrire ma anche a gioire, si scrisse un libro insieme per questo motivo… per il motivo o per meglio dire l’’ideale di ognuno da ricercare in due mondi di fantasia diverse l’una dall’altra… e ci incontrammo, e ora non più, l’uno che l’altro siamo molto impegnati con i nostri fastasmi del passato che non ci lasciano stare… almeno si riconducano al cuore con un dolce pensiero di tanto in tanto… Annibale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...